Solo Al Secondo Grado

Pity it is not racism!

Adriano Sofri1

Pity it is not racism!

Il fattaccio di/da cronaca nera
è di venerdì scorso,cioè ieri 18/aprile/2014,nella notte tra giovedì e venerdì .
Avviene ad un’ora tarda quando di notte si aggirano ormai solo coloro – e non sono in pochi – che potremmo definire gli insonni per disperazione. Quelli che ormai hanno perso molte speranze in un futuro roseo o per lo meno ordinato. E dunque prendono la vita come viene ; orario della giornata compreso .
L’accaduto sembra essere assai semplice ; un nottambulo sferra un pugno micidiale ad un altro nottambulo . I due a quanto pare non si conoscevano ne avevano al momento dell’accaduto seri motivi di diverbio . L’aggredito muore poche ore dopo in ospedale. L’aggressore fugge con l’aereo nel proprio Paese d’origine dove è attualmente ricercato .

I due sono entrambi extra-comunitari ; l’aggressore è tunisino , l’altro bengalese . Entrambi musulmani.

Le forze politiche locali
non perdono occasione per palesare con una manifestazione per le vie della città

– PISA –

– manifestazione che possiamo ben definire una fiumana ben pilotata di rancori repressi di extra comunitari con mille rivendicazioni da sventolare ( come le mitiche bandiere del malcontento giovanile negli anni fine anni sessanta ) –

sotto il naso dei cittadini veraci,poco propenso a odorare i profumi – si fa per dire – che il mondo asiatico e nord africano porta per le vie cittadine,

tutta la loro solidarietà con la nuova realtà extra comunitaria.

Nonchè naturalmente un bel no alla violenza!

Ma purtroppo per dare aspetto altisonante ed universalistico alla faccenda mancano due belle ciliegine sulla torta servita dal fattaccio di cronaca su un piatto d’argento ;

* il fatto che entrambi – aggressore ed aggredito sono extra comunitari
– ,da qui niente bandiere da sventolare contro il razzismo,
e,
dall’altro
* il fatto che entrambi sono musulmani, quindi niente lotta alle intolleranze religiose.

Proprio, ma proprio un vero peccato!

pity that you can not cry racism!

Ma la vera ciliegina sulla torta ce l’hanno messa loro; i notabili, politicanti locali in testa.

Difatti non hanno mancato di sfilare sotto braccio con Adriano SOFRI

– di cui vedi al seguente link;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/sofri-battisti-c/

Adriano SOFRI

ovvero un ex leader di lotta continua che è un assassino in quanto condannato in via definitiva insieme agli altri due compari per l’omicidio del Commissario CALABRESI .
E , voglio qui ricordare , che nelle parole della sentenza dei giudici si parlò di assoluta mancanza di pentimento dell’imputato .
E’ dunque il colmo ! Un assassino, non pentito che va ad una manifestazione contro l’assassinio e riceve stima e sorrisi da parte delle Autorità politiche locali.

Ne :‘ Il TIRRENO ‘ , giornale locale ,si riferiscono queste parole di Adriano SOFRI ( che il giornalista del Tirreno qualifica come scrittore !):’

:’ La mia presenza è già testimonianza e commento ‘

Certo che è testimonianza e commento; di una incredibile ipocrisia!

Voglio infine sperare da un lato
che non si usi troppo buonismo da parte della Magistratura nei confronti dell’assassino, si parla già infatti di omicidio preterintenzionale, quando è palese anche ad un profano del Diritto che si tratta di omicidio volontario.
Dall’altro
che la Chiesa cattolica
non faccia del proselitismo ad oltranza cercando di rieducare cristianamente il condannato con un recupero nella solita Comunità di cattolici.E facendo così ‘concorrenza’ al mondo Musulmano.

Nota ;
il presunto assassino è figlio adottivo di un italiano ex sindaco di un Comune pisano.
Quindi la possibilità di integrarsi ce l’aveva alla grande eppure ciò non è avvenuto.
Inutile quindi parlare come fa il Deputato P.D. , ex Sindaco di Pisa, Paolo Fontanelli di :’

:’ atti da deriva culturale…’

Il sangue non è acqua fresca, e
la Cultura non la si può imporre con decreto,
ne darla ad un individuo come
il ‘sapere infuso’ di divina origine !

Nota.

Dimenticavo;

Hamrouni Hamza,

 – figlio adottivo dell’ex sindaco di Crespina (PI) , il cui nome viene tenuto rigorosamente celato da tutti i giornalisti ( Paolo…solo il nome),  –

l’assassino del bengalese ,

Hamza quello con le contropalle/il duro che sferra cazzotti a go-go -,

dopo l’accaduto non solo è scappato in Tunisia, ma si è fatto raggiungere dalla mammina tunisina con il fratellino nordafricano!  Proprio un tipo tosto, vero ?

Se gli italiani  – politici in testa – corrono dietro alle bassezze di certa teppaglia ,finendo – con sentenze blande – col giustificarne il comportamento violento , vuol dire che sono giunti all’auto distruzione di tutto il proprio retaggio culturale ed al massimo grado di umiliazione…E

con quale finalità ?!

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: