Solo Al Secondo Grado

Jeffrey Koons and the American way of life in Florence…

alias;

Chi sosteneva che il circo è morto ?

ton sur ton, il giusto abbigliamento per un incontro con un capolavoro travolgente 2

ton sur ton,
il giusto abbigliamento per un incontro con un capolavoro travolgente 2

ton sur ton, il giusto abbigliamento per un incontro con un capolavoro travolgente

ton sur ton,
il giusto abbigliamento per un incontro con un capolavoro travolgente

Dalla fine di settembre alla fine di dicembre 2015
un paio di opere statuarie di Jeffrey Koons , ‘Jeff’ per gli amici ed estimatori,
sono in mostra a Firenze.
Una nella piazza della Signoria di fronte a palazzo Vecchio l’altra al suo interno, nella zona museale .
Sono due opere che riproducono in chiave moderna scene mitologiche, quella visibile in Piazza si rifà ad un’Opera del Bernini conservata a Roma ;‘il ratto di Proserpina’,tema peraltro simile –‘Ratto delle Sabine’– , a quello sotto la Loggia dei Lanzi, dunque quasi di fronte a quella di Koons, del Giambologna .
Statua di acciaio inox, dorato. La doratura sull’acciaio gli conferisce una parvenza cangiante da ‘mantellina’ da pronto soccorso, sul verdastro .Di primo acchito l’impressione è di ‘materia plastica’, effetto ricercato da Koons.
Come un certo effetto ‘da disegno da fumetto’.
In ultimo;
apparirà evidentissimo, a chi osserva dal vivo questo lavoro inox di Koons, il fatto che l’estrema lucentezza della statua ne offusca la visione. Ogni particolare sembra nascondersi dietro i forti riflessi luminosi.
Una ricerca dello sfumato leonardesco ( di contro alla definizione nitida del marmo e dell’affresco michelangiolesco ) o puro caso ?

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/tag/bronzo-e-pittura-a-olio-di-leonardo-da-vinci/

Base/basamento dell’opera di Koons, in marmo italiano di Carrara .

didascalia sulle opere presenti  in Piazza della Signoria, tra cui quella di Jeff Koons

didascalia sulle opere presenti in Piazza della Signoria, tra cui quella di Jeff Koons

Ecco il capolavoro del XXI secolo trionfo della globalizzazione ;

Jeff Koons Pluto and Proserpina

Jeff Koons Pluto and Proserpina

Jeff Koons Pluto and Proserpina2

Jeff Koons Pluto and Proserpina2

____________________________________________________________________

Jeff Koons Pluto and Proserpina3

Jeff Koons Pluto and Proserpina3

Jeff Koons Pluto and Proserpina4

Jeff Koons Pluto and Proserpina4

____________________________________________________________________

Jeff Koons Pluto and Proserpina5

Jeff Koons Pluto and Proserpina5

Jeff Koons Pluto and Proserpina6

Jeff Koons Pluto and Proserpina6

___________________________________________________________________

Jeff Koons Pluto and Proserpina7

Jeff Koons Pluto and Proserpina7

Jeff Koons Pluto and Proserpina8

Jeff Koons Pluto and Proserpina8

____________________________________________________________________

Jeff Koons Pluto and Proserpina 9

Jeff Koons Pluto and Proserpina 9

Jeff Koons Pluto and Proserpina 10

Jeff Koons Pluto and Proserpina 10

____________________________________________________________________

Jeff Koons Pluto and Proserpina 11

Jeff Koons Pluto and Proserpina 11

Jeff Koons Pluto and Proserpina 12

Jeff Koons Pluto and Proserpina 12

_____________________________________________________________________

Jeff Koons Pluto and Proserpina 13

Jeff Koons Pluto and Proserpina 13

Jeff Koons Pluto and Proserpina 14

Jeff Koons Pluto and Proserpina 14

___________________________________________________________________ ;

———————— :

Cfr. (cf) l’Opera qui sopra di Koons con l’ Opera qui sotto del lontano ,nel tempo, – 1939 – , e
lontana ,nello spazio, – München/Deutschland –

:

———————— :

München 16  Juli  1939 Deutsch Kunst Tag. Sorprendente affinità estetica tra l'Opera vista qui sopra di Jeff Koons :'  :' Pluto and Proserpina ', con quella tedesca del lontano 1939; auto celebrazione in entrambe...?! Cosa cambia nella sostanza...?!

München 16 Juli 1939 Deutsch Kunst Tag.
Sorprendente affinità estetica tra l’Opera vista qui sopra di Jeff Koons :’
:’ Pluto and Proserpina ‘,
con quella tedesca del lontano 1939;
auto celebrazione in entrambe…?!
Cosa cambia nella sostanza…?!

Od anche tornando ai giorni nostri;

Paris del terzo millennio; Comme le monument à Jeanne d'Arc, il est de coutume à Paris couvrir tous les monuments d'or

Paris del terzo millennio;
Comme le monument à Jeanne d’Arc, il est de coutume à Paris couvrir tous les monuments d’or

______________________________________________________________________

 girl sailor marinaretta fiorentina  ( フィレンツェの船乗りの女の子 )

girl sailor marinaretta fiorentina
( フィレンツェの船乗りの女の子 )

_______________________________________________________________________

Jeff Koons Pluto and Proserpina9

Jeff Koons Pluto and Proserpina9

Jeff Koons Pluto and Proserpina10; Stregati dall'opera di Koons e dal contesto in cui è inserita.

Jeff Koons Pluto and Proserpina10;
Stregati dall’opera di Koons e dal contesto in cui è inserita.

Ecco due giapponesi accorsi ad amirare il capolavoro dell’americano.Lei in abito tradizionale, il kimono.
Letteralmente stregati dall’opera di Koons e dal contesto in cui è inserita.
Del resto in quanto a neo pop art,
ovvero l’arte americana popolare di ‎Andy Warhol e ‎Roy Lichtenstein , globalizzata,
sono anche in Giappone dei grandi cultori e realizzatori ; basta ricordare in merito i capolavori del giapponese Takashi Murakami ;

eccone uno ;

arte giapponese di Takashi Murakami

arte giapponese di Takashi Murakami

che tanto ricorda quella del rumeno di quasi cento anni fa, Constantin Brancusi;

constantin-brancusi scultura-in-gesso-per-fusione-in-bronzo-attributo-virile-maschile 2

constantin-brancusi scultura-in-gesso-per-fusione-in-bronzo-attributo-virile-maschile 2

Rinvio al post precedente, direttamente attraverso il seguente link,che rinvia ad altri ;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/09/26/antony-mark-david-gormley-sculptor/
.

Un paese come gli USA
che ha fatto della globalizzazione, ovvero di un sistema economico e la sua espressione politica, l’ elemento costituente l’intero universo culturale di un popolo prima e di un mondo – un tentativo tutt’ora in corso – poi,
non poteva esprimere a livello artistico che opere di questo genere;
caroselli cromatici, pura espressione della più libera fantasia tesa a rallegrare e distrarre partendo dalla superficialità per giungere ad auto rassicurazione su quanto svolto nel mondo degli affari .

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/01/02/globalizzazione-apparente-per-quanto-appariscente/

Nel momento in cui negli USA un artista, un semplice cittadino, un politico,un uomo d’affari…
incominciasse a riflettere nello stesso modo in cui ciò viene perennemente fatto nel vecchio Continente dai loro pendant ,
ecco che il sistema americano – American way of life – sarebbe sulla strada di un rapidissimo declino .
Negli USA sanno bene che il grande circo è tale e affinché tutto rimanga in piedi occorre credervi prima di tutto .
L’arte americana dà dunque il suo contributo al Sistema, ne più ne meno.
La valutazione economica di un artista americano deve necessariamente seguire il metro della sua capacità di sostenere questo circo mediatico .
Se contesta, come molti artisti americani hanno fatto , lo fa solo contestando gli effetti del Sistema, ma non mai il Sistema stesso .
Se qualche artista lo facesse passerebbe da un peccato veniale ad uno mortale.

Nota;
l’idea artistica di Koons è molto semplice nella sua struttura;

– se si vuole, è l’uovo ( d’oro massiccio ) di Colombo,e dicendo questo gli si fa anche onore.Se mai ce ne fosse bisogno! –

;come il Rinascimento ha avuto origine nella trionfante , città Stato di Firenze, ed ha riprodotto ,reinterpretato il passato greco classico ,
del pari ,
l’arte contemporanea negli USA , Paese oggi al vertice economico come la Firenze del cinquecento, riproduce reinterpretando i capolavori del Rinascimento fiorentino .
Così facendo il grande vuoto artistico culturale di un Paese giovane come quello USA, che trova un proprio modello culturale,una propria identità, solo a partire dal XVIII°/XIX° secolo, sembra essere colmato.
Tutto questo potrà anche rassicurare il modello culturale americano,
ma di acqua , da Michelangelo ad oggi, ne è passata sotto i ponti,
e innumerevoli modelli artistici si sono succeduti in Europa dal cinquecento fiorentino ad oggi…
Un grande americano d’adozione,oriundo tedesco,
Ludwig Mies van der Rohe ebbe ad affermare un vecchio ricordo da studente:’
:’ un architetto – un maestro nell’arte del costruire – appartiene ad un’epoca, non ad un tempo, ma ad un’epoca
Ed esso può esprimere solo l’essenza di quell’epoca’.

Koons
potrà forse fare la cronaca del suo tempo,ma presto o tardi si dirà che ha ‘fatto il proprio tempo’il a fait son temps – e quindi non davvero un’epoca .
Ed ancora;
:” Se l’ pittore vol vedere cose che sieno buffonesce e risibili, lui n’è signore e Dio (…) “

[ Se un artista vuole realizzare opere buffe e ridicole, ne è signore e padrone (…) ]
Leonardo da Vinci.

E, se si vuole un parere orientale, di circa 2500 anni or sono,
parere del noto ‘老子‘ , fondatore di una ‘filosofia atemporale’

basta leggersi quanto segue – parere assai simile a quello di Leonardo qui sopra espresso – ;

lao tzu b

Non necessariamente vi deve essere in un’epoca ,in un Paese, una specifica arte che li rappresenti, dato che un vuoto non si può riflettere compiutamente .

Ecco una reinterpretazione, di Antonio Pio Saracino, del David di Michelangelo, esposto -estate 2015- presso la Galleria dell’Accademia di Firenze .

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/05/28/voulez-vous-paris-6-sesto-ed-ultimo-post/

moda-arte in tono col contesto

moda-arte in tono col contesto

il David di Michelangelo, in versione tatoo. Apprezzabilissimo anche per il luogo in cui è stato posto , il mercato centrale di S. Lorenzo (Fi)

il David di Michelangelo, in versione tatoo.
Apprezzabilissimo anche per il luogo in cui è stato posto , il mercato centrale di S. Lorenzo (Fi)

_____________________________________________________________________

Loro si che si stupiscono dei tatuaggi del David di Michelangelo!

Loro si che si stupiscono dei tatuaggi del David di Michelangelo!

____________________________________________________________________

Ecco uno spunto per nuove sublimi creazioni artistiche;

in giallo...

in giallo…

_____________________________________________________________________

in bianco...

in bianco…

_____________________________________________________________________

in nero... Così ci fagocitiamo il mondo intero

in nero…
Così ci fagocitiamo il mondo intero

____________________________________________________________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: