Solo Al Secondo Grado

Andrea del Sarto…

dagli Amorini della Madonna delle Arpie agli Amorini del rito del gelato…/by Cupids of the Madonna of the Harpies to Cupids of ice cream ritual …

Dagli Amorini di liturgica affezione, ... a...

Dagli Amorini di liturgica affezione, … a…

cfr
...a quelli del rito del gelato estivo !

…a quelli del rito del gelato estivo !

amorino bamorino c

Sembra di cercarsela, ma in realtà è la realtà dei fatti -oggettivi- che ci cerca,ci scova e si prende poi gioco di noi.

Partendo da via del Corso (traversa della notissima via dei Calzaiuoli) di Firenze,
con una comoda promenade di circa mezz’ora si arriva per vie rettilinee, al Complesso museale costituito dalla Chiesa di San Michele a San Salvi presso l’abbazia Vallombrosana nel cui refettorio è custodito, tra le varie Opere, il famoso Cenacolo di Andrea del Sarto, alias ,Andrea d’Agnolo o Andrea Vannucchi.
Ma prima di arrivare alla meta -il Cenacolo- la cui visione è peraltro gratuita, si deve pagar pegno o meglio ‘pagare il tributo’ a Cesare, [come da affresco di Masaccio nella Chiesa di Santa Maria del Carmine (cappella Brancacci).
‘Pagar tributo’ secondo evangelica memoria ( Matteo 17/ 24-27 )].
Ed oggi lo si fa percorrendo le vie che precedono ogni complesso museale, in qualsiasi parte del Mondo ci si trovi.
Nel nostro caso la concordanza tra ‘sacro’ e ‘profano’ è singolare;
pochi passi e, come dalle immagini fotografiche qui sopra, si passa da Amorini (puttini) ‘laici’ (da artigiani gelatieri) a quelli sacri dipinti da Andrea del Sarto…(vedi gli Amorini sacri ne:‘La Madonna delle arpie’ di cui sopra fotografia)
Su questo aspetto
mi fermo qua, chiedendomi solo se Figure come Leonardo
Leonardo,-il primo uomo moderno- artefice per eccellenza, da ‘Signore della ruota’ quale è stato, del nostro bel Mondo moderno e progredito,
avessero visto il risultato di ciò che seminarono ai loro tempi, avrebbero avuto ripensamenti su ciò che stavano regalando alle generazioni future.

___________________________________

L’altro aspetto,
molto più serio ,ma proprio per questo molto meno apprezzato,
riguarda la statura artistica di Andrea del Sarto, figura defilata rispetto a giganti come Masaccio, Leonardo , Michelangelo etc…
Se la Sua ‘Madonna delle arpie’ (conservata agli Uffizi) rappresenta l’apice in pittura (peraltro a tempera e neanche ad olio,dunque sorprendente negli effetti raggiunti nella definizione del piedistallo su cui poggia i piedi la Vergine),
il Cenacolo presso la Chiesa di San Michele a San Salvi,
rappresenta il Suo apice nella pittura ad affresco.
E ciò anche se confrontato con la pittura ad affresco di Michelangelo o di Raffaello.
Se, come scrisse Vasari di questo pittore :‘ …per una certa timidità d’animo,ed una Sua natura dimessa e semplice…’
Andrea del Sarto, fu persona schiva e timida per sua natura,non volendosi imporre con forza anche con la parola nel Mondo artistico del tempo, ma solo attraverso il Suo lavoro,
ciò non toglie il fatto – dimostrato con la Sua pittura – che egli non lo si possa considerare il vero diretto continuatore dell’Opera sperimentale di Leonardo
(vedi in proposito;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/06/02/the-unfinished-or-sketches-of-michelangelo-buonarroti/ )

Allo sfumato leonardesco, Andrea del Sarto aggiunge la pienezza dei colori di Raffaello, e tutto ciò non pedissequamente, ma da attento e silenzioso osservatore.
Incapace di recitare il ruolo da ‘primo attore’,istrionico a questa o quella Corte signorile, ma sicuramente valido pittore ,anche istintivo, che nulla lascia al caso almeno in questo affresco fiorentino.
Caso forse unico – tra i grandi artisti del Rinascimento – quello di Andrea del Sarto; unico artista che fu ‘silenzioso operaio delle proprie Opere’ lontano dai clamori delle Corti signorili che rifiutò benché chiamato a farvi parte.
Magari egli intuì solamente, senza piena coscienza ,che le teorie rinascimentali erano ‘belle e perfette’ fintanto che restavano teorie. Ma allorché applicate dai più grandi ,come Michelangelo, palesavano le loro intrinseche contraddizioni.
Così l’Opera silenziosa di Andrea del Sarto – non capita appieno fino ai nostri giorni – fu quella di ricucire attraverso eclettismo stilistico ciò che di valido vi era in quelle teorie.Ed espresse dai grandi della pittura e scultura di allora ( Michelangelo, Leonardo e Raffaello).
Ed il risultato di tutto ciò? Fu quello di tornare ad un realismo pre-rinascimentale,che non era arte antiquata ma priva dei vani tentativi, di cui sopra fatto cenno, di altri grandi artisti. Dimostrando così una modernità del tutto peculiare.

A riprova di quanto qui sostenuto,
circa la statura artistica di Andrea del Sarto, da ritenere per nulla minore rispetto ai Suoi grandi contemporanei quale Michelangelo o Leonardo,
si tenga presente l’Opera nel suo complesso di Raffaello Sanzio, di soli tre anni più grande di Andrea del Sarto; Raffello,allievo del Perugino, ne ripercorre gli stilemi ne :‘lo sposalizio della Vergine’ (Brera Pinacoteca, Milano) o nei ritratti di ‘Agnolo Doni e Maddalena Strozzi’ in cui lo stile di Leonardo è assolutamente ripercorso da Raffaello ( come anche ne:‘la Madonna del cardellino’ ) o come ne :‘ il trasporto di Cristo’ in cui la figura del Cristo è un vero omaggio stilistico alla Pietà di Michelangelo, come anche nella figura della donna in torsione che è un omaggio alla figura dipinta da Michelangelo nel famoso :‘tondo Doni’.

Non vi è Opera di Raffaello che non riprenda le altezze stilistiche di Suoi grandi colleghi pittori e scultori contemporanei, – o di stilemi pittorici, come quello della pittura veneta – senza per questo essere ritenuto dalla critica di ieri come di oggi un pittore minore, continuatore pedissequo etc… Ma al contrario uno dei massimi esponenti del Rinascimento.

Le immagini;

Chiesa di San Michele a San Salvi ( Firenze)

Chiesa di San Michele a San Salvi ( Firenze)

Chiesa di San Michele a San Salvi ( Firenze)          Didascalia.

Chiesa di San Michele a San Salvi ( Firenze)
Didascalia.

Chiesa di San Michele a San Salvi ( Firenze). Entrata laterale, presso via San Salvi, al complesso museale.

Chiesa di San Michele a San Salvi ( Firenze).
Entrata laterale, presso via San Salvi, al complesso museale.

Il Cenacolo di Andrea                          del Sarto presso il Refettorio dell'abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi - Firenze - .

Il Cenacolo di Andrea del Sarto
presso il
Refettorio dell’abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi – Firenze – .

Il Cenacolo di Andrea                          del Sarto presso il Refettorio dell'abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi - Firenze - .

Il Cenacolo di Andrea del Sarto
presso il
Refettorio dell’abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi – Firenze – .

Il Cenacolo di Andrea                          del Sarto presso il Refettorio dell'abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi - Firenze - . Particolare ; Uno dei due 'vivandieri' - quello a sinistra di chi guarda - è l'auto ritratto dell'Artista.

Il Cenacolo di Andrea del Sarto
presso il
Refettorio dell’abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi – Firenze – .
Particolare ;
Uno dei due ‘vivandieri’ – quello a sinistra di chi guarda – è l’auto ritratto dell’Artista.

Il Cenacolo di Andrea                          del Sarto presso il Refettorio dell'abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi - Firenze - . Particolare

Il Cenacolo di Andrea del Sarto
presso il
Refettorio dell’abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi – Firenze – .
Particolare

Il Cenacolo di Andrea                          del Sarto presso il Refettorio dell'abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi - Firenze - . Note didascaliche

Il Cenacolo di Andrea del Sarto
presso il
Refettorio dell’abbazia vallombrosana , Chiesa di San Michele a San Salvi – Firenze – .
Note didascaliche

SAM_2700

SAM_2701SAM_2702

—————————————————————————————-

Al seguente link,
post del 28 febbraio 2017 sugli affreschi del :‘Chiostro dello Scalzo’ di Firenze;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2017/02/28/virtual-visit-to-the-smallest-florentine-museum/

Nota;
oggi, a differenza dei tempi in cui vissero le Figure sopra citate, l’Artista è libero da ogni vincolo di committenza.
Allora non era così, solo pochi artisti potevano imporre il loro stile appieno .
Se con alcuni suoi dipinti Andrea del Sarto, non raggiunge i vertici toccati con la ‘Madonna delle arpie’ o con il Cenacolo di San Michele a san Salvi, ciò lo si deve probabilmente ad una committenza che per ‘soldo’ imponeva all’artista un certo tipo di Opera.

In fondo le immagini in dettaglio maggiore del Cenacolo

Nota ulteriore;
si noti che se ai tempi di Andrea del Sarto vi erano molte idee negli Artisti, queste rimanevano nella maggior parte dei casi inespresse o solo accennate,
oggi ,al contrario, sembra esservi una potenziale spregiudicatezza espressiva in quanto ad idee, solo che ve ne sono assai poche – per lo meno di valide – da esprimere!

Cfr; https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/05/13/jackson-pollock-la-figura-della-furia-ovvero-il-grande-vuoto/

‘The Irascibles’ or ; ‘The domesticated irascibles’ ?!

P.S.
sul post :‘Jackson Pollock ; ‘La figura della furia’ ovvero il grande vuoto .’ Di cui qui sopra link di rinvio.
Post che tratta della pittura astratta – espressionismo astratto o ‘action painting’ e suoi rappresentanti – .
Si è notato,in vari post, trattando di Michelangelo e Leonardo, che i più grandi artisti del passato nulla lasciavano al caso. Ogni singola pennellata, immagine , fusione in bronzo, modellatura del marmo etc…erano date, costruite con grande attenzione e costruzione logica.
Anche l’intuizione aveva il suo spazio; l’Opera non era un prodotto algido, pura analitica.
Visitando il post di cui sopra su Jackson Pollock e &; si noterà che si è giunti all’estremo opposto.

Il caos, nel suo significato etimologico ha costruito ogni loro immagine. Il raziocinio lo si deve cercare al di fuori dell’Opera stessa, non mai al suo interno.

‘ Il caos…’ ; cfr;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/10/21/il-caos-dellarte-occidentale-del-xx-secolo-il-periodo-picassiano/

Altre immagini del Cenacolo;

          Cenacolo  di Andrea del Sarto  nel Museo ex refettorio presso  la Chiesa di  San Michele a San Salvi              Firenze

Cenacolo
di Andrea del Sarto
nel Museo ex refettorio presso
la Chiesa di
San Michele a San Salvi
Firenze

h

h

          Cenacolo  di Andrea del Sarto  nel Museo ex refettorio presso  la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze  particolare;  autoritratto,  a sinistra di chi guarda            dell Autore

Cenacolo
di Andrea del Sarto
nel Museo ex refettorio presso
la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze
particolare;
autoritratto,
a sinistra di chi guarda
dell Autore

Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze particolare architettonico

Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze particolare architettonico

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-architettonico-p

Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze particolari degli Apostoli

Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze particolari degli Apostoli

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-c

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-d

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-e

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-f

Vedi commento qui sotto  nella didascalia sotto la figura del Nazareno

Vedi commento qui sotto
nella didascalia sotto la figura del Nazareno

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-l

h

h

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-n

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-o

Problemi conservativi; si noti la punta del  nasino dell'apostolo...

Problemi conservativi;
si noti la punta del nasino
dell’apostolo…

              Dettagli...

Dettagli…

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-c

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-d

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-e

h

h

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-g

Schalom Ben-Chorin, alias Fritz Rosenthal un ebreo di lingua tedesca, riporta, nel suo libro :' Fratello Gesù/Bruder Jesus',   la fantasiosa ipotesi di un tedesco omosessuale ,Hans Blüher che a sua volta nel suo libro:'Die Aristie des Jesus von Nazareth : philosophische Grundlegung der Lehre und der Erscheinung Christi.'(1921) insinua un possibile rapporto omosessuale tra Jesù e l'Apostolo Giovanni; il prediletto del Maestro. Qui la stretta di mano tra Gesù e l'Apostolo Giovanni - peraltro un biondino di bell'aspetto,secondo il pennello del pittore - vuol forse alludere al malcostume fiorentino che era stato castigato con violenta reazione biblica dalla figura di Girolamo Savonarola. Figura che certo impressionò Andrea del Sarto ( questi aveva 12 anni all'epoca della morte sul rogo del Priore di San Marco).

Schalom Ben-Chorin, alias Fritz Rosenthal un ebreo di lingua tedesca, riporta, nel suo libro :’
:’ Fratello Gesù/Bruder Jesus’,

la fantasiosa ipotesi di un tedesco omosessuale ,Hans Blüher che a sua volta nel suo libro:’
:’Die Aristie des Jesus von Nazareth : philosophische Grundlegung der Lehre und der Erscheinung Christi.'(1921)

insinua un possibile rapporto omosessuale tra Jesù e l’Apostolo Giovanni; il prediletto del Maestro.
Qui la stretta di mano tra Gesù e l’Apostolo Giovanni – peraltro un biondino di bell’aspetto,secondo il pennello del pittore –
vuol forse alludere al malcostume fiorentino che era stato castigato con violenta reazione biblica dalla figura di Girolamo Savonarola. Figura che certo impressionò Andrea del Sarto ( questi aveva 12 anni all’epoca della morte sul rogo del Priore di San Marco).

[ Si veda il punto esatto,
in Piazza della Signoria alias Piazza di Palazzo Vecchio, dell’esecuzione tramite rogo del Priore del Convento di San Marco (FI), il domenicano Girolamo Savonarola, arso con due Suoi confratelli,

al seguente link;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/05/14/infallibility-of-the-pope-to-the-fallibility-of-christ/

Al seguente link il Convento di San Marco, oggi museo, con le due stanze che furono abitate da Fra Girolamo;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/10/19/museo-di-san-marco-firenze-visita-virtuale/ ]

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-i

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-l

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-m

cenacolo-di-andrea-del-sarto-nel-museo-ex-refettorio-presso-la-chiesa-di-san-michele-a-san-salvi-firenze-particolare-teste-apostoli-n

Qualche disegno di Andrea del Sarto;

Disegno presso Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze

Disegno presso Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze

Disegno presso Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze a

Disegno presso Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze a

Disegno presso Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze

Disegno presso Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo ex refettorio presso la Chiesa di San Michele a San Salvi Firenze

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: