Solo Al Secondo Grado

ATTUALITA’ ; nord AFRICA e dintorni .

Winter / Spring 2011, un pò come nel mondo della moda ma

La TUNISIA , l’ EGITTO ora la LIBIA ;
tutto o quasi il nord – Africa o, se si vuole, il sud -Europa è in fermento .

Due le forze che si contrappongono – ma sono realmente soltanto due …? – quelle, da una parte, rappresentate da un leader che è in realtà una sorta di padre – padrone tout court che dispensa favori a familiari ed affini e,

dall’altra parte una congerie di individui – non oso chiamarli cittadini perchè in Stati di questo genere non lo sono per nulla, non potendo esercitare alcuna forma di reale partecipazione alle Funzioni derivanti dal Potere statale – .
Ma questi in realtà sono il vero tessuto formante lo Stato . Dal più umile di loro al più blasonato costituiscono la vita stessa .Vita indispensabile all’esistenza di un qualsiasi ordinamento giuridico .

Il confronto armato è inevitabile come le morti che ne derivano . Non mancano all’interno della storia umana casi in cui vecchi Stati/Governi sono stati abbattuti senza l’uso delle armi/della forza ( si rammenti l’India di Ghandi…).
Ma il nord – Africa sembra privo di strumenti culturali di tale portata .
E’ certo saliente sottolineare le atrocità che vengono perpetrate su molti ‘individui’ inermi . Ma questo è il primo passo del cronista – nel senso etimologico del termine ; cioè chi riporta imparzialmente accadimenti senza interpretazioni personali – ma poi si dovrebbe guardare conm ottica più ampia .Questo sia chiedendosi perchè si è giunti a fatti come quelli in questione ; da dove hanno origine ( prima questione ) sia osservando il tutto in un contesto attuale ma su scala internazionale ( seconda questione , vedi nel commento/post qui sotto ) .

Circa la prima questione posta voglio qui ricordare un’Opera scomoda del Nostro Gillo PONTECORVO : ‘La battaglia di Algeri’,film del 1966 . Essa narra il lungo cammino dell’affrancazione degli algerini dal ‘dominio’ francese .
Pontecorvo fu onesto nel denunciare molti accadimenti e qundi poco gradito a molti critici di diverse bandiere .
Alla luce dei risultati poi ottenuti dagli algerini – e non solo ovviamente – possiamo notare che il modello ‘DEMOCRAZIA’ esportato in quei Paesi e tanto agognato fino alla lotta armata, ha finito col dare frutti assai scadenti .

La democrazia non la si ‘impara’ dall’oggi al domani e di certo Paesi privi di profonda cultura in merito hanno visto trasformare l’indipendenza tanto desiderata in forme di autoritarismo che spesso ha ’sfogato’ nell’appoggio al terrorismo internazionale – del quale Gheddafi è stato un artefice in passato – un mezzo per nascondere l’icapacità di questi Paesi di reggersi da soli sulle proprie gambe .
Ricordo solo che in Libia sono poco più di sei milioni di abitanti e malgrado il petrolio ed il gas sono alla fame … .


 

 

 

 

 

[ Il feroce  Salad(t)ino in versione terzo millennio … ]


P.S.  Carino il cappello come il colore fucsia del completino !

(continua, circa la seconda questione)

Annunci

Commenti su: "ATTUALITA’ ; nord AFRICA e dintorni ." (5)

  1. ( segue dal mio post precedente )

    . ……………………….. La seconda questione

    la battaglia di algeri

    Al lento ma costante cammino giuridico che il Mondo occidentale ha intrapreso nel corso dei secoli ,

    – cammino che gli ha permesso di passare attraverso varie forme di Stato sempre più tese ad una partecipazione via via più ampia al Potere, da parte dei propri appartenenti ed a una tutela degli stessi –

    ha fatto da contraltare una evoluzione con marce forzate, da parte dei Paesi ‘ non occidentali ‘ verso la conquista di similari forme di Governo .
    Ma come nel post sopra accennato, tutto questo non lo si metabolizza con tanta facilità e rapidità .
    Il salto è stato troppo rapido ed ampio
    . Per giunta non prodotto dall’interno di questi Stati , ma ’suggerito’ esternamente da altri .
    L’idea base
    appare chiara in coloro che auspicano – i ‘rivoltosi’ che contestano i vari regimi nord – africani ( definiti : ‘ drogati ‘ da Gheddafi ) – un cambiamento reale verso forme occidentali di Governo . Con un Governo ‘giusto’ – pensano – si otterrà una economia equa .Come quelle occidentali riservano ai propri cittadini .
    E’ certo l’elemento costituito dall’indigenza, dalle ristrettezze economiche che li spinge ad un cambiamento .

    Qui l’Occidente si gioca molto se non tutto .

    Per quei regimi – come quello di Gheddafi – l’elemento del terrorismo è, od è stato , il mezzo con cui liberarsi dalle proprie gravi responsabilità di Governo . ( Costituite da inettitudine, tracotanza, avidità etc … ) .

    Per quei signori del Potere lo slogan è
    : ” … guardate che è l’Occidente la causa di ogni nostro male… ” .

    Ma queste rivolte interne sono FORSE il segnale che qualcosa sta cambiando . Una maturità nei più giovani sembra farsi strada. Mettendo in luce la falsità e pericolosità di affermazioni come quella ora qui sopra riportata .
    L’Occidente ha il difficilissimo compito di aiutare questo ‘passaggio’ verso poi un cammino che appare lungo e quasi impossibile .Fatto non solo di mutamenti verso una vita più dignitosa, ma sopratutto fatto di cambiamenti/conquiste culturali che permettano tali mutamenti .

    Saluti, topo.gigio .

  2. PERCHE’ LA PACE E’ TANTO AGOGNATA ( ? ) .

    Non esiste , se non nell’immaginario collettivo , un dottor STRANAMORE ; lo scienziato innamorato della ‘bomba’ protagonista dell’Opera di Kubrick ( che riprende il personaggio di ROTWANG de’ Metropolis ‘ di Fritz LANG ) .

    Lo scienziato innamorato della bomba...

    Lo scienziato innamorato della bomba…

    Peter Sellers ne :’ il Dr. Stranamore ‘ ovvero lo scienziato innamorato della Bomba .
    NESSUNO ama le guerre , ma se ne riconosce la triste necessarietà .
    Come è certo che da ogni guerra qualcuno trae lauti benefici ; potere o/e denaro . E non certo a proprie spese .

    l'automa senz'anima in metropolis

    l’automa senz’anima in metropolis

    L’automa di Rotwang .
    Di acqua ne è passata sotto i ponti da una affermazione potentemente obsoleta :’

    :’ La guerra è l’espressione più alta di un popolo civile ‘ . Heinrich von TREITSCHKE .

    Ora, se – DI FATTO – certi comportamenti attuali ( di molti Governanti occidentali ), sono assolutamente coerenti con la frase di cui sopra ma poi sono in contraddizione con QUANTO questi stessi Governanti vanno affermando , come l’aberrazione verso ogni forma di conflitto etc…
    ci saranno delle ragioni
    .

    Ecco il punto della questione .

    Credo che tutto questo sia spigabile nel fatto che il mondo attualmente costruito è basato su una ricchezza ‘cartacea’ . Si pensi a cosa è successo in borsa ed in generale all’economia dopo l’attentato alle Torri gemelle e si capirà quanto ora espresso .
    Ecco che ne deriva un’ Etica del tutto congeniale a questo mondo economico che richiede – per non auto distruggersi – la pace
    . O tutt’al più guerre ‘localizzate’ ben mirate volte a sbloccare l’economia in certi Paesi in cui la politica fa ristagnare l’economia .
    Dunque si ha il sospetto che si è in presenza di un’Etica che è espressione NON tanto di una evoluzione millenaria dell’Umanità verso forme di espressione di alta sensibilità ed umano sentire mai prima raggiunte ,
    bensì semplicemente espressione indispensabile di un’economia di mercato .

    In qualsiasi periodo storico Noi troviamo degli scritti in cui si piangono i morti e le sofferenze che dalle guerre derivano . Ma non possiamo pensare di essere all’epilogo di queste grandi tragedie .
    Quando – e ’se’ – cambieranno gli assetti economici cambierà l’ Etica a loro corrispondenti .
    E’ certo triste pensare ad una realtà non tesa ad un futuro di sicure e certe ‘belle speranze’ .
    Ma se non altro si potranno di volta in volta evitare altrettanti potenziali pericolosi miti con relative illusioni .
    .

    Cfr.
    con il commento del 23/agosto/2011 :‘ Da ROBESPIERRE a ASOR ROSA ‘ all’interno dell’ articolo del 22/agosto/2011 :‘ Quella CHIMERA chiamata DEMOCRAZIA ‘ al link ;

    https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2011/08/22/quella-chimera-chiamata-democrazia/#comments

  3. ……………………..Il RICATTO . ………………

    E` di un paio di anni fa l`intesa od accordo tra il Governo italiano e quello libico sul risarcimento dei presunti danni inferti alla Libia dall`Italia durante la sua politica coloniale dei primi anni del novecento.
    La cifra non e` uno scherzo, cinque miliardi di dollari.
    A questo accordo hanno fatto da premessa le scuse ufficiali del nostro Governo presentate dall`attuale Presidente del Consiglio. Unico Paese coloniale – e l’Italia nella sua politica coloniale fu una meteora e non una realtà ingombrante come ad es. la GranBretagna , la Germania etc…- ad aver porto delle scuse .
    Le falsita` storiche di tutta questa `sceneggiata` sono palesi,ma sono certamente state fatte passare pressocche`inosservate dai mezzi di comunicazione.

    .

    Entrando in merito;

    —se certe crudelta` furono inferte dai militari italiani ai combattenti libici e` pur vero che la cosa e` stata reciproca.Si pensi solo ad es. alle oscene sevizie perpetrate in Etiopia (Adua) dai guerriglieri etiopi ai nostri soldati.
    —In secondo luogo
    una realta` storica va valutata in funzione del tempo in cui si svolse.
    Voglio dire che la sensibilita` di allora verso la vita umana e sopratutto in guerra era ben altra rispetto all`attuale.E questo senza voler minimamente giustificare i tristi eventi li`accaduti.
    Un atteggiamento di scusa e` indice di una posizione `colpevolista` che offende tutti coloro che bene o male ( con ideali o meno ) si sacrificarono in guerra.
    Come dire, “siamo stati dei criminali e ci cospargiamo il capo di cenere“.
    La valutazione dei fatti va fatta nel tempo i cui si svolsero e cosi` valutata,non come fatto dall`attuale Governo.
    Se teniamo presente quanto combinato da Paesi coloniali puri quali l`Inghilterra…
    (come sopra fatto cenno ) noi siamo stati degli angioletti in confronto.
    Senza contare il fatto che la politica coloniale italiana spesso era costruttiva – cioe` artefice di infrastrutture come in Libia -.Ma Governi inglesi od altri si sono ben guardati dal fare simili opere e scuse.
    Perche` allora questo accordo?

    Le motivazioni sono sostanzialmente due,
    la prima
    risiede nella vulnerabilita` delle coste italiane (leggi confini naturali marittimi) da parte dell`immigrazione clandestina,nel caso precipuo da parte dei nord africani – libici – che favoriscono da quei Paesi una immigrazione insostenibile per il nostro Paese.Come sta avvenendo .
    La seconda risiede sia in un bisogno energetico – gas e petrolio – che la Libia puo`in parte soddisfare.

    Questo il Governo libico, in particolare Gheddafi lo sa bene.Ne e` seguita una politica forzata da parte loro di immigrazione al fine di spingere il nostro Paese ad un accordo ingiusto ed offensivo.
    E dato che le disgrazie non arrivano mai da sole,ci e`scappato pure un risarcimento che di questi tempi e` una mazzata per tutti Noi italiani
    .Ma forse non per tutti,alcune industrie avranno di che gioire per l`accordo che apre le porte agli investimenti di alcuni.
    `I soliti ignoti` che tanto ignoti non sono.
    A riprova le immigrazioni dopo tale accordo erano scemate. ( Ora a’ riprova del nove’ sono riprese come arma bellica – anomala – di ritorsione del Governo fantasma di Gheddafi ) .

    Ma se vogliamo ben valutare – cioe` storicamente valutare – la Libia ed il suo leader basta guardare alla politica libica nei confronti del terrorismo internazionale negli anni 70/80.La crudelta` da molti Paesi occidentali subita grazie agli appoggi piu` o meno clandestini da parte libica al terrorismo e` realta` evidente.Si pensi alle reazioni di ostilita` anche economiche degli USA nei confronti della Libia in quegli anni.Non furono certo motivate da eccentricita` americana.

    E questa e` vera crudelta` perche` non d`altri tempi ma del recente passato.

    Come spesso accade due pesi e due misure,e questo accordo ne e` l`ennesima manifestazione.Una offesa per noi che la subiamo,una vergogna per coloro che l`hanno siglata perche` palese testimonianza della loro ipocrisia.

    Infine sottolineo il fatto che un accordo di questo genere sottolinea una profonda carenza di cultura storica da parte della dirigenza politica italiana che è stata artefice della sua sottoscrizione .

  4. Circa l’epilogo di questa così detta ,

    PRIMAVERA d’ AFRICA

    riporto quanto pubblicato nell’ articolo del 25/ottobre/2011 ;’ La morte di GHEDDAFI’ ,( vedi in ;’ ARCHIVI ‘) o al seguente link ;

    https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2011/10/25/1100/


    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    7/giugno/1942 (…) 21/ottobre/2011

    1969 (…) 2011 ; dal C.C.R. ( Consiglio del Comando della Rivoluzione ) al C.N.T. ( Consiglio Nazionale di transizione ) .

    1911 (…) 2011 ; dalla guerra coloniale italo libica alla guerra civile libica di auto affrancazione .


    Il libro verde di Gheddafi;
    nelle intenzioni di questo piccolo rais nordafricano il testo che avrebbe permesso la creazione di un sistema di equità sociale .
    Come già col famoso ‘libretto rosso’ di Mao Tse-tung o col ‘Capitale’ di Karl Marx ;

    ;l’ennesimo tentativo di creare ,attraverso un nuovo Stato, un Paradiso sulla Terra (…)

    Vari modi indubbiamente – viste le date sopra riportate – di leggere gli accadimenti che confluiscono nella Nostra attualità .

    Pochi ricordano che nel Nostro lontano passato – quando Roma era caput mundi – regnò come Imperatore di Roma un libico ;

    Lucio Settimio Severo

    che fu Imperatore tra il secondo ed il terzo secolo d.c. quando al governo di Roma servivano uomini di capacità pratiche e militari .

    Il paragone certo non calza (**),
    con Muammar GHEDDAFI ma è doveroso per il semplice fatto che questo piccolo rais beduino ha sempre aspirato a raggiungere una fama personale internazionale di grande spessore come l’Imperatore sopra menzionato .

    La Storia, nei fatti implacabile, ha finito per bollarlo alla stregua di un noiosissimo e settico insetto come è una mosca stercoraria .
    Fastidiosamente ronzante e dal pungolo infetto. Ma alla fine ha fatto la fine che molti insetti fanno; l’esser schiacciato/a da realtà ben più grandi di loro .

    E’ stato l’unico leader libico della così detta ‘ primavera africana ‘
    – neologismo coniato in ricordo della primavera di Praga del 1968, guarda caso un anno prima della ascesa al potere di Gheddafi (1969) –
    ad aver voluto resistere ad una deposizione che sembra segnare l’incipit – vedi gli articoli qui sopra ,in questa stessa pagina – della presa di coscienza di più Popoli, accomunati nella tradizione islamica, di vari elementi salienti di cui ne cito due ;

    — da un lato che i leaders che li hanno governati fin’ora non erano che despoti, spesso sanguinari come è indubbiamente stato Gheddafi , che hanno avuto il solo fine di auto referenziarsi/incensarsi accumulando ricchezze personali impensabili ed inspendibili in nome di una avidità ( leggi ‘stupidità’ ) senza paragoni , a spese della povera gente e non certo per meriti imprenditoriali ,

    — dall’altro che ‘ quella chimera chiamata libertà ‘ ( vedi articolo al seguente link

    https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2011/08/22/quella-chimera-chiamata-democrazia/

    ),

    non ha fatto che rivelarsi per ciò che è sempre stata ; un miraggio sempiterno .

    La conquista sovente sanguinosa della propria indipendenza ,da parte di Popoli facenti parte di ex colonie ( vedi l’Algeria, la Libia stessa etc…) ,dall’oppressore occidentale
    ,ha finito col mostrarsi in tutta la sua grottesca tragicità .

    Per fare un semplice esempio,
    ricordo l’epilogo di una famosissima Opera letteraria della prima metà del secolo scorso :’ La fattoria degli animali ‘ ( ‘Animal farm’ ) di George Orwell .
    Alla fine il ‘vecchio padrone’ brinda con i ‘nuovi padroni’ i porci . In un sodalizio che non lascia spazio alcuno alla speranza .


    L’elemento positivo in tutta questa sanguinosa faccenda è che gli insorti si sono accorti delle infinite menzogne diffuse da quei leaders ignobili contro l’Occidente – scatenando un terrorismo internazionale devastante – allo scopo di nascondere la loro inettitudine al governo .

    (**)
    Con strano scherzo/scherno della Storia, fu proprio Settimio Severo a disciogliere l’Ordine dei Pretoriani ( se si vuole i ‘Corazzieri’ ante litteram ) ,(…) .

    Nota;
    varie biografie hanno tentato ,e tenteranno ancora di certo in futuro, attraverso storici e giornalisti di capire il ‘fenomeno’ Gheddafi
    – che di fenomenale non ha mai avuto proprio niente, se non la perversità tipica della vigliaccheria del terrorista – .
    Tali biografie ,viste il loro soggetto d’indagine , avrebbero dovuto essere scritte non da uno storico o da un giornalista ma da un entomologo .
    Saluti, topo.gigio .

  5. Il vero volto dell'ISIS...

    Il vero volto dell’ISIS…

    Domenica 15/02/2015

    Motovedetta militare italiana
    soccorre,a largo delle coste siciliane, l’ennesimo barcone di clandestini africani fermamente decisi a raggiungere il Continente europeo, essendo quest’ultimo il paradiso in terra, benché corrotto e marcescente agli occhi di un qualsiasi musulmano che si rispetti.
    E… ricordo che la maggior parte dei clandestini che raggiungono le coste europee/italiane sono musulmani praticanti .

    Ma, udite udite, la notizia non farebbe notizia, essendo l’ennesimo sbarco, se non fosse accaduto un fatto eclatante ;

    gli scafisti,

    ovvero i nord africani costituitisi in una sorta di

    Anonima S.P.A.

    ( Anonima S.P.A. – la Mafia del nord Africa – con un bilancio in attivo da far invidia ad una multinazionale… )
    dopo aver riversato i simpatici clandestini sull’imbarcazione militare italiana tornano indietro e armati di kalashnikov chiedono ed ottengono la riconsegna del barcone ,sequestrato dalle Autorità italiane, da loro utilizzato per portare i clandestini!

    Con l’ovvio scopo di riutilizzarlo!

    I militari italiani si sono giustificati dichiarando che avendo delle anime a bordo, i circa 2000 clandestini, non potevano rifiutarsi di sottomettersi alla volontà degli scafisti !

    Questa la notizia nuda e cruda .

    _____________________

    Poche semplici considerazioni ;

    ° Si sa bene, e questo vale per qualsiasi Forza armata di qualsiasi Stato nel mondo , che la peggior accusa fattibile nei confronti di un militare è quella di ‘vigliaccheria’ o ‘codardia’ verso il nemico .
    Un militare, è notorio, spesso fa quel mestiere non avendo la possibilità di altri sbocchi professionali.
    Ma ciò che lo riscatta è la divisa e ciò che essa rappresenta, l’onore di difendere la Patria rischiando la propria vita nei momenti più difficili .

    °La decisione ultima, se rifiutarsi o meno di opporsi alle minacce di un nemico, in Italia, vengono prese non direttamente dai militari , benché in piena azione, ma dal’Autorità politica.
    In questo caso non vi sarebbe ovviamente vigliaccheria da parte dei militari italiani, ma il problema non è risolto ma spostato verso l’Autorità politica italiana.
    I politici italiani sono ben famosi nel nascondersi dietro mille scuse – dietro ad un dito -.
    Parlerebbero in questo caso di cronaca, di buon senso e amore per la pace e la fratellanza! E quindi di saggia decisione .
    La verità è sotto gli occhi di tutti coloro che vogliono vedere la realtà in faccia ;

    un tira a campare del Governo, che evita di far applicare le leggi italiane verso chi le viola ,in questo caso contro gli scafisti armati di kalashnikov .

    L’umiliazione che il Governo italiano sta non subendo, perché senza dignità, ma sta facendo subire ad ogni italiano che si rispetti, è palese .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: