Solo Al Secondo Grado

Archivio per la categoria ‘che guevara’

Hasta siempre, Comandante Guevara FIDEL

Venerdì 25 novembre 2016 ; la morte di Fidel Castro.

( 13 agosto 1926 – 25 novembre 2016 )

Hasta siempre, Comandante Guevara FIDEL

Fidel Castro; mito (o quasi)  per chi ama sognare ad oltranza. Tiranno, per chi guarda in faccia la realtà.

Fidel Castro;
mito (o quasi)
per chi ama sognare ad oltranza.
Tiranno,
per chi guarda in faccia la realtà.

Un profilo inconfondibile quello di Fidel come quello del compagno di lotte Ernesto – il Che –.
Il ‘Che’ ebbe solo ‘la fortuna’ ( si fa per dire ) di morire giovane ed entrare così nel mito come succede a molti giovanotti intraprendenti saliti alla ribalta per una causa od un’altra, per un merito od un altro. Mitizzazione che viene riservata solo a coloro che scompaiono prematuramente.
Il nostro caro Fidel ha solo il demerito ( si fa per dire ) di essere morto alla veneranda età di novant’anni e, sopratutto

di essere morto quando il mito che incarnava – la rivoluzione comunista – era ormai morto da molti anni; ufficialmente nel 1989. Cioè 27 anni fa, e guarda caso a duecento anni esatti dall’incipit del mito della rivoluzione francese!

Ricordo quanto ai seguenti links;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/02/09/il-che-che-guevara-uno-spaccato-della-nostra-societa-alias-l-identikit/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/01/07/%CE%B1-alfa-come-mafalda-3/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/01/08/%CE%B1-alfa-come-mafalda-4/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/12/06/arte-politica/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/01/12/attentato-terroristico-a-parigi-8-gennaio-2015/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2011/12/12/jan-myrdal-e-pol-pot/

Fidel
non era amato dai cubani ‘semplici’, ne ai tempi del ‘Che’ ne ai nostri. Bastava parlare con molti di loro ed il disprezzo era mal celato nei confronti di questa figura che non lesinava crudeltà da carceriere nei confronti dei cittadini cubani, come non lesinava la pratica del nepotismo più sfacciato.                                                                                                            Senza contare poi la misteriosa morte di Camilo Cenfuegos, suo rivale nella leadership ,in un misterioso incidente aereo di cui i cubani ‘semplici’ , ricordano la figura e la dubbia ipotesi di semplice incidente… ( E tralasciando il fatto che nella Cuba di Fidel il suo civilissimo leader maximo permetteva il mercimonio -la più odiosa delle mercificazioni di stampo capitalista- di seniorite  cubane con ricchi turisti americani, al fine di ottenere qualche introito nelle casse dello Stato cubano ). Ne segue un dato oggettivo ; un Fidel ‘ponce’ !
Ricordo solo che dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, le parole, il ragionamento di Fidel Castro in merito a tale evento lasciarono tutti di stucco.
Egli di fatti affermò che :”

:”con la caduta del muro di Berlino non finisce la ‘guerra fredda’ ma muore un sano pluralismo politico che divideva fino a ieri il mondo su due fronti contrapposti”.
Fidel Castro novembre 1989

Contento lui di affermare simili baggianate e contenti i suoi adepti di ascoltarlo, contenti tutti!

————-

Ovvio che le affermazioni di cordoglio da parte delle massime autorità politiche – Papa Francesco compreso – sono non solo di prammatica ma sopratutto finalizzate ad ottenere

un ‘posto’ nella Cuba in velocissima trasformazione politica ed economica che subirà nei prossimi anni…

Normale sciacallaggio/prassi di Stato ;

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2016/11/26/-tv-cuba-e-morto-fidel-castro-_2d00be56-5291-47fe-9ad1-d9139234feaa.html

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2016/11/26/morto-fidel-castro-da-putin-a-hollande-il-cordoglio-del-mondo-_10f8388f-4bf8-4845-a319-be36980304f7.html

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2016/11/26/la-storia-mi-assolvera-le-frasi-celebri-di-fidel-castro_566fd6d1-53a5-4eca-890e-a72477b93cb7.html

Nota;

in Italia più che in altre parti d’Europa (occidentale) certi ‘miti’ sono duri a morire;

Without words

Without words

Come per il ‘Che’, circa il suo nome, Ernesto, per quanto sopra detto (vedi il primo link, ‘Il Che…l’identikit ‘)

così per Fidel,circa però il suo cognome, Castro, il destino vuole una strana coincidenza con un poeta ,Domingos G. Castro, che ha scritto:’

:’ Se mi chiedete cosa sia la nostalgia,

Io vi dico che è ciò che rimane

Dopo che tutto è  passato’

D. G. Castro.

Se riflettiamo sulle vicende di Fidel  & C.  dal punto di vista dei ‘precordi’ ,

Ecco che abbiamo, otteniamo ciò che i versi qui sopra ci indicano.

In immagini ?

           ' Il Che ' del terzo millennio;               da..............--->

‘ Il Che ‘
del terzo millennio;
da…………..—>

            '  Il Che  ' del terzo millennio ( by Porto ) ;                   ....... ...  --->....a ......

‘ Il Che ‘
del terzo millennio ( by Porto ) ; …….
… —>….a ……

Annunci

α – alfa – come MAFALDA (3)

α – alfa – come MAFALDA (3)

(…segue)

(terza parte)

Mafalda
è certamente un ‘animale cittadino’ ;
; fuori dal centro di una città, meglio se Capitale , sarebbe persa.
Quino la pone tra quattro mura, alle prese con i genitori ,con i quali si è visto essere tutt’altro che tenera o,
se fuori di casa alle prese con i compagni di scuola con cui discute di politica, o gioca ‘alla politica’quasi sempre.
Non ha convinzioni di nessun genere;
è un’abile osservatrice
sia del comportamento umano
che degli aspetti sociali,in tutte le loro declinazioni ( economici,politici etc…)
Pur criticando a 360 gradi, rendendosi indisponente con tutti quelli con cui entra in contatto, non appare antipatica vista ‘da fuori’ ,cioè dal lettore.
La sincerità intellettuale o semplicemente di ragionamento elementare,essendo ancora bimba, non le fa difetto. Ed è questa forse la sua qualità principale.
I bambini spesso si rifiutano di crescere, e seppur ormai divenuti adulti e con prole restano bambini col pensiero di rifugiarsi, appena possono, in giochi od hobby che li fanno fuggire dalle loro responsabilità.

E’ la così detta sindrome di Peter Pan

Ebbene Mafalda è totalmente agli antipodi da quella sindrome;

il desiderio di Mafalda di calarsi nelle problematiche sociali, affrontandole quotidianamente senza stancarsi è irrefrenabile.
Una ‘piccina’ che vorrebbe essere adulta, per capire meglio in che mondo si trova e risolvere tante ‘storture’ che gli appaiono sotto gli occhi.

In questo senso riflette un mondo, quello sud americano in specie, che è costituito da Stati che vogliono crescere, migliorarsi ma per un verso od un altro sono bloccati da qualcosa o qualcuno.
Questo personaggio è,in quest’ottica, una grande metafora di culture e Stati profondamente in bilico tra ciò che sono e ciò che vorrebbero diventare/essere ( Stati ‘in via di sviluppo’ come i bambini !).

Qualche vignetta;

Testo della strip:" (padre di Mafalda), Mia cara mafalda, che ne diresti se andassimo a vivere nella selvaggia PATAGONIA; lontano da tutti i problemi della città, della Civiltà,e lontano da tutti... allevando e coltivando...?  Eh? Non è una bellissima idea ? "

Testo della strip:”
(padre di Mafalda), Mia cara mafalda, che ne diresti se andassimo a vivere nella selvaggia PATAGONIA; lontano da tutti i problemi della città, della Civiltà,e lontano da tutti…
allevando e coltivando…? Eh?
Non è una bellissima idea ? “

(Mafalda) :" Senza più una famigliola cittadina ma contadina ? Senza più questa città e Civiltà, alienanti ? Senza più un Governo inconcludente ?

(Mafalda) :”
Senza più una famigliola cittadina ma contadina ?
Senza più questa città e Civiltà, alienanti ?
Senza più un Governo inconcludente ?

(Mafalda):" Chi  potrei sfottere,come faccio con te e con mamma ? Con chi sfogherei le mie nevrosi - @°ç* - per strada ? A quale Governo potrei dire :' ladro'  ? Sarei solo una povera bimba MUTA , ALLUCINATA  e ALIENATA !

(Mafalda):”
Chi
potrei sfottere,come faccio con te e con mamma ?
Con chi
sfogherei le mie nevrosi – @°ç* – per strada ?
A quale
Governo potrei dire :’ ladro’ ?
Sarei solo una povera bimba MUTA , ALLUCINATA e ALIENATA !

( continua…)

‘Il CHE’ , … Che Guevara ; Uno SPACCATO della NOSTRA SOCIETA’ , alias ; l’ IDENTIKIT ‘ …….

[ vedi link di rinvio in fondo a questo stesso articolo ] .

………..’ IL CHE ‘ del terzo millennio ;
sovrappeso, un pò miope e dall’espressione palesemente intransigente (**) .

Questa è in realtà l’immagine dei tristi accoliti del ‘CHE’ del XXI sec. ,
che seppur pochi gridano forte per coloro (le nuove generazioni) che non li ascoltano più.
Un pò come quei cani che più son piccoli più abbaiano e ringhiano ottenendo solo un unico effetto; quello ‘ SPAM ‘ .

Premessa ;
poche righe di spiegazione/presentazione .

Il presente articolo e le immagini d’animazione/disegni presentate ,frutto di una trasfigurazione in chiave moderna dell’immagine originale del notissimo guerrigliero argentino naturalizzato cubano ;

Ernesto Guevara

possono ben rappresentare l’evoluzione di tutto un Pensiero occidentale ,
ed in particolar modo europeo ed ancora più precisamente di una parte del mondo politico italiano ( parlamentare ed extra parlamentare ),
dal dopoguerra in poi fino alla caduta del Muro berlinese nel 1989 .
Il guaio – con particolar rilievo per il Nostro Paese, l’Italia, – è che qui tale modo di pensare perdura ancora .
Il risultato di tutto ciò è quanto mai bizzarro se non grottesco ;
si ottiene infatti un Pensiero che le immagini d’animazione qui presentate rappresentano appieno .

Lo scadimento da una realtà
ipotizzata attraverso un modello politico ideologico ed economico creato dal filosofo tedesco di origini ebraiche ,Carlo Marx e tragicamente realizzata nei Paesi comunisti
ad una nuova realtà puramente onirica e di sterile consistenza che alcuni intellettuali
( pseudo intellettuali che personalmente definisco :‘ GLI ANTI CASSANDRA ‘ ,vedi articolo al seguente link ;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/i-dossiers-w-tobagi-e-g-rossa/ )
continuano a propugnare ; finendo con lo scadere nel grottesco come le due immagini trasfigurate mostrano/dimostrano .

(**)
Nota ulteriore sull’iimmagine;

; deriva da un lavoro di animazione televisivo :’ i Griffin‘ dell’americano MacFarlane .
In cui si critica attraverso il personaggio/protagonista, l’americano medio .
Bisogna riconoscere che in questo Paese – dove molte contraddizioni e leggerezze nei Suoi appartenenti sono presenti in modo marcato – si è tuttavia capaci di fare della satira di prim’ordine.

Ma….
Proviamo a fare un processo di destrutturazione e ricostruzione di questa stessa immagine –

– già di per se prodotto di trasformazione della famosa fotografia scattata dal fotografo cubano Korda, come sopra fatto cenno –

– , utilizzando la maestria di W. Disney . [ Dunque, come da titolo ,facciamo un ‘ IDENTIKIT ‘ ma… nel tempo ] .

Tolta la barba e gli occhiali, – quest’ultimi poco gli servono dato che legge poco (perchè sa già tutto ed è sicuro di tutto) – messa in evidenza la mascella forte (segno di indubbia forza di volontà), ed infine evidenziato un aspetto complessivo di rude determinazione (votata senza dubbio al benessere collettivo),[anche se qualche ‘mezza lasagna‘ di troppo gli ha fatto evidenziare la ‘curva della salute‘ ],

,ecco che otteniamo un personaggio creato negli anni sessanta, facente parte del mondo di W. Disney – più precisamente di ‘PAPEROPOLI’ – :

: ANACLETO MITRAGLIA .

Poche note su questo personaggio.

—’Minore’ nel senso che è poco presente a differenza di altri nelle famose storie a fumetti.
—’Monotono’ nel senso che è costantemente votato al litigio senza mezze misure.
—Sicuro delle proprie ragioni e sopratutto inamovibile nel NON discutere le argomentazioni altrui, anche se magari valide .
Incredibile come a distanza di anni, certi personaggi seppur frutto dell’ immaginazione siano a loro modo rimasti validi/attuali, nella loro capacità di tratteggiare con ironica intelligenza persone reali non solo del tempo in cui nacquero ma anche del Nostro .

Questo è il link
di rinvio al commento del 14/maggio/2011 alla pagina :’

SOFRI , BATTISTI & C. ( D. FO , incluso ) / Riflessioni varie.

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/sofri-battisti-c/#comment-80

commento che qui ripropongo sotto forma di articolo .

In conclusione (…) ?

Continuare a credere a falsi miti e sopratutto a coloro che li sbandierano a proprio uso e consumo non può che impedire pericolosamente e tragicamente il tentativo di affrontare concretamente e fattibilmente le nuove sfide che i nuovi tempi ci impongono !

Nota finale ;

Uno strano scherzo postumo del destino – o di chi pare a Voi – ha voluto che al Nostro Personaggio qui trattato ,tragicamente reale, fosse dato il nome di battesimo di

ERNESTO ;

proprio come il Protagonista di un’Opera teatrale di fine Ottocento di Oscar WILDE . Opera titolata :’
:’ L’importanza di chiamarsi Ernesto ‘ ( tit. orig.:’The Importance of Being Earnest’)

Opera in cui il brillante Wilde non smette mai di sottolineare ironicamente che :’

:’ solo chiamandosi Ernesto si può combinare qualcosa di buono affermandosi nella vita ‘

.[ Chissà se Ernesto Guevara ha mai rimproverato – o lodato – i genitori di avergli dato questo nome di battesimo ,costringendolo – o permettendogli – così (ad) un ruolo storico del tutto peculiare ; quello di scrivere favole per adulti con il piombo ! ].

In ogni caso alle volte la realtà – è proprio il caso di dirlo – supera la fantasia !

Nota ultima ;

Confrontando le due immagini qui sotto non vi sembrano omologhe con una semplice distinzione di sesso ?

Entrambi ipovedenti con lo stesso mento volitivo ed espressione, stesso sovrappeso etc…

Fate un pò Voi .

Tag Cloud