Solo Al Secondo Grado

Archivio per la categoria ‘terrorismo’

Attack in Barcelona, Spain – Catalonia – August 17, 2017

Attack in Barcelona, Spain – Catalonia – August 17, 2017

Dopo l’attentato nel Regno Unito (U.K.) di inizio estate scorsa,
( vedi direttamente post al seguente link; https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2017/06/06/attack-in-manchester-and-london-maggio22-giugno3-2017/ )
ecco riproporsi un nuovo disperato attentato stile ‘fai da te’, di quattro disperati marocchini – nord africani – che hanno utilizzato ,come nel precedente attentato, un semplice mezzo di locomozione – un furgone – e armi bianche (coltellacci da cucina con cui solitamente pelano patate, in qualità di sguatteri nelle cucine di locali per turisti)

Ma se da parte dei carnefici mangia occidentali tutto sembra ristagnare,

invece,

da parte delle vittime qualcosa sembra cambiare;

si confronti questa immagine/parole di reazione ( je suis Paris)
(siamo nel 2015 a Parigi, ma lo striscione è portoghese – Lisbona Rossio -);

Je suis Paris ; novembre 2015  Striscioni di questo genere,dopo l'accaduto dei scorsi giorni, li troviamo un pò dovunque. Almeno in Europa. Questo  è presso l'elegante quartiere del 'Rossio' a Lisbona ,Portogallo

Je suis Paris ; novembre 2015
Striscioni di questo genere,dopo l’accaduto degli scorsi giorni, li troviamo un pò dovunque. Almeno in Europa.
Questo è presso l’elegante quartiere del ‘Rossio’ a Lisbona ,Portogallo

( al seguente link , il post sull’attentato a parigi del novembre 2015)
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/11/15/paris-13-novembre-2015-the-new-carnage/

con quelle di reazione all’attentato a Barcellona qui di seguito;

We are not Afraid;
Noi non abbiamo paura
( il cuoricino è un
optional!)


[ Capello cotonato o : “che paura di spavento” (come diceva topo gigio…)? Ad ogni modo,con quell’occhio spento, da pesce lesso, e un cagnolino tremolante, manifestare un impavido coraggio è dura! ]

.

‘Hoy canto por esas voces que habéis osado apagar . No tenim por’
Oggi canto per quelle
voci che hai osato
spegnere.
Non abbiamo paura!
Si noti che la lingua
utilizzata è
quella catalana
e non quella spagnola.
Today I sing for those voices you’ve dared to turn off. We are not afraid
Catalan and non-Spanish language.

Nota;

Beautiful girl, with temper! N’est-ce-pas ?

In grande stile ;
proprio non hanno paura!

We are not Afraid;

Noi non abbiamo paura

No tenim por

Confrontando gli ‘slogans di reazione’ precedenti con quello attuale:‘We are not Afraid’,
notiamo che queste semplici parole sottolineano, certo in modo implicito, ma lo sottolineano, un desiderio di reazione violenta da parte di molti occidentali verso il mondo musulmano ‘violento’. E’ un dato di fatto oggettivo!
I primi slogans testimoniavano una solidarietà ed un dolore comune, questo:’‘We are not Afraid’, testimonia un desiderio di confronto con la controparte – i carnefici – … Un confronto non certo ‘fatto di parole’.
E come si leggerà qui di seguito, le parole di reazione del rabbino capo di Barcelona, Meir Bar-Hen, lamentano un atteggiamento di assoluta inerzia da parte delle Autorità occidentali, nel caso spagnole.
Fatto/parole assai pesanti se si considera da che pulpito sono espresse! Un religioso di comprovata esperienza e saggezza personale,nonché di millenaria saggezza da retaggio culturale!
– – – – – – – – – – –

Ecco un nuovo elemento
da parte del mondo
musulmano!
Un dissenso palese di alcuni musulmani con quelli che compiono
attentati!

E se un altro tipo di dissenso, da parte del mondo musulmano, come visto nell’immagine qui subito sopra, è fotografico ed improvvisato,

un ulteriore differente dissenso è invece di quelli meditati come solitamente fanno i rabbini ,se per giunta rabbini – capi – , di comunità ebraiche inserite in Paesi occidentali come a Barcellona;

“Questo posto è ormai dissolto. Meglio andarsene al più presto”.

Con queste parole il rabbino capo di Barcelona, Meir Bar-Hen, si è rivolto alla comunità ebraica della città di Barcelona commentando l’attentato terroristico.
Ed ancora;

“La nostra comunità, è ormai condannata sia per l’Islam radicale sia per l’indugiare delle autorità a confrontarsi con questo.”

Il rabbino ha invitato infine i suoi confratelli ebrei :”

“a tornare in Israele”.

Fatta la tara emozionale, da reazione istintiva -seppur rabbino meditabondo, resta pur sempre un essere umano con tanto di sentimenti ed emozioni!-
ecco un dissenso che non ci aspettavamo!

Inoltre,
un altro dissenso inaspettato è quello della madre di uno degli attentatori
La cara mamma, ‘Hanno Ghanim’ , rivolgendosi al figliolo :”

: “Costituisciti”

“Ti devi costituire, non voglio che tu uccida altre persone”, “l’Islam predica solo la fratellanza”.

Così la cara mamma Hanno , madre di Younes Abouyaaqoub il cattivone fuggitivo , si è rivolta al figliolo,

discolo per la gloria di Allah!

Ogni altro commento credo sia superfluo.

Attack in Manchester and London maggio(22) giugno(3) 2017 and … the Lasagna at Bolognese (of Mom)

Attack in Manchester and London maggio(22) giugno(3) 2017

Cf. ;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/04/29/auslander-raus-aus-unserer-heimat/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/11/03/piccola-lista-elenco/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2013/08/12/kashetu-kyenge-lespressione-di-un-malessere-non-la-causa/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/01/21/tuscia/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/03/19/tuscia2/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/01/12/attentato-terroristico-a-parigi-8-gennaio-2015/

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/06/16/ebraismo-cristianesimo-islamismo/

———————-

without words

Whatever the United States can do to help out in London and the U. K., we will be there – WE ARE WITH YOU. GOD BLESS!

by Donald Trump, the President!

attentato Manchester Attack in Manchester
Salman Abedi

attentato Londra
Attack in London
Ecco gli ‘eroi’ dell’ISIS, da una parte,
gli attentatori per la controparte
ma….
si noti che non vi sono reazioni di sdegno verso questi ‘cattivi ragazzi’…
Vi siete chiesti
‘il perché?’
Non certo per atto di
profonda civiltà!

Il terzo attentatore,Youssef Zaghba,
è figlio di una italiana romagnola; Valeria C. (la cui identità, per una mal interpretata tutela della persona, è tenuta segreta). A quanto pare il nostro caro Youssef rientra, malgrado le scalmane terroristiche ,
tra gli ” (Italians) mama’s boys “, dato che telefonava ogni sera a mammà da Londra. Dimostrando così una profonda nostalgia per i luoghi della fanciullezza come certamente per le insuperabili lasagne alla bolognese che amorevolmente la mamma gli preparava!

Forse
se il nostro caro caro Youssef avesse accompagnato alle lasagne caserecce di mamma un generoso bicchiere di un sincero Lambrusco (Lambrusco is the name of both an Italian red wine grape and a wine made principally from the grape. The grapes and the wine originate from Emilia-Romagna – Bologna)
avrebbe capito che non era un eroe – come lui, insieme ai suoi compagni di sventura credeva – ma una vittima di una parte di quel mondo musulmano che ha preteso di essere servito con la violenza,da questi disgraziati ‘Bad boys
‘!

Cosa c’entra il ‘buon vino Lambrusco romagnolo’ con il nostro povero Youssef ?

Per chi ancora non l’avesse capito – e credo tra questi coloro che non sono Occidentali – , la risposta sta nel fatto,incontestabile – oggettivo, che noi poveri occidentali ‘viziati’ amiamo risolvere in maniera assai spiccia i nostri ‘problemi spirituali’ ;

; li risolviamo in un modo assai semplice, ovvero assumendo direttamente lo spirito stesso! Cioè l’alcool – vino, birra, super alcolici etc… –

E questo appare incomprensibile a coloro che Occidentali non sono, o lo sono solo per metà come il nostro povero Youssef!

I musulmani, è ora palese ,
non interiorizzando lo Spirito
( ne per via solida, vedi l’Ostia consacrata , ne per via liquida come sopra detto )
come noi Occidentali, lo estroflettono ritenendosi il fine ultimo della Storia. I risultati li conosciamo, e si commentano da soli!

P.S.
Il più noto tra gli scrittori simbolisti francesi, Charles Baudelaire, ne:‘Au lecteur / al lettore’ , incipit della Sua Opera più significativa:‘Les Fleurs du Mal / I fiori del Male’ ebbe a scrivere:’

:’ La sottise, l’erreur, le péché, la lésine,
Occupant nos esprits et travaillant nos corps,
Et nous alimentons nos aimables remords,
Comme les mendiants nourrissent leur vermine.

Nos péchés sont têtus, nos repentirs sont lâches;
Nous nous faisons payer grassement nos aveux,
Et nous rentrons gaiement dans le chemin bourbeaux,
Croyant par de vils pleurs laver toutes nos taches.

Sur l’oreiller du mal c’est Satan Trismégiste
Qui berce longuement notre esprit enchanté,
Et le riche métal de notre volonté
Est tout vaporisé par ce savant chimiste.

C’est le Diable qui tient les fils qui nous remuent!'(…)

:’Sciocchezza,errore,peccato,avarizia,
Possiedono gli spiriti e travagliano
I corpi; noi nutriamo i nostri amabili
Rimorsi come i mendichi i pidocchi.

Caparbi i nostri falli, i pentimenti
Ben deboli; ci facciamo pagare
Lautamente le nostre confessioni,
E allegri ritorniamo nel melmoso
Cammino, persuasi di lavare
Con le lacrime ogni nostra macchia.

Satana Tri(s)megisto, sul cuscino
Del male, lungamente va cullando
L’affascinato spirito: ed il metallo
Prezioso della nostra volontà
Tutto è vaporizzato dal sapiente
Alchimista.

È il Diavolo che tiene i fili che ci muovono!
‘(…)

Quando da una parte si infrange una vecchia regola non scritta :‘Cuius regio, eius religio’ ( di cui vedi al seguente link: https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/07/08/pity-it-is-not-racism-it-was-time-quite-a-case-of-racism/)

e dall’altra, a livello personale / familiare ,

si pretende di forzare la mano al fato con una commistione tra etnie di culture così diverse, generando nei figli nati da questi improbabili connubi,

un profondo senso di straniamento

( vedi quanto già successo al seguente link; https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/07/23/munchen-terroranschlag-oder-amoklauf/ )

ecco che in parte si spiegano certi tristi accadimenti.
[ Ed è triste constatare,in queste circostanze, che gli errori dei genitori ricadono pesantemente sui figli..! ]

E.. se si tenta un percorso opposto
(vedi cosa intendo al seguente link; https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/01/16/dalla-jiihad-asiatica-alla-socio-schizofrenia-europea/ )
non si ottiene che un rovesciamento della questione, che finisce per produrre altrettante sciagure.

Charles Baudelaire non è in fondo stato un ottimo profeta più che un buon poeta?

A Baudelaire, non per niente, si è ispirato

Thomas S. Eliot

,
un inglese oriundo americano (ma sarebbe meglio dire un americano di lontane origini inglesi che rinunziò alla cittadinanza americana,per quella inglese)
con la Sua Opera:’

:‘La terra desolata – The Waste Land – .

Un componimento in versi dei primi anni del XX secolo in cui Eliot ebbe a scrivere criptiche espressioni del tipo :‘ …where the dead men lost their bones…’ / (fuori dal sentiero dei topi)‘dove i morti persero le loro ossa’.
Un poemetto che ,non senza ironia del fato è ambientato a Londra e proprio presso il London Bridge – luogo del fatto di cronaca londinese di cui sopra – .

Macabra profezia! La ‘terre gaste’ o ‘terra desolata’ che per noi non porta a nessun Graal.

Look at how is dissonant the simplicity and beauty of
a wheat field with
what has been seen above
(A nightmare of the human mind)!

München, Rouen (Saint-Etienne-du-Rouvray) – Mardi, 26 Juillet, 2016 – Terroranschlag oder Amoklauf?

( postilla al post che precede ‘München, Terroranschlag oder Amoklauf?’ del 23 luglio 2016 )

München, Rouen (F) Terroranschlag oder Amoklauf?

Ni ceci ni cela; ni le terrorisme ni colère;

que le désespoir!

/ Weder dies noch das; weder Terrorismus noch Amoklauf;

nur Verzweiflung!

Mardi, 26 Juillet, 2016,
Attentato in Chiesa, Francia, Rouen (Saint-Etienne-du-Rouvray). Un terrorista(?) di Daesh/ISIS … un sacerdote sgozzato…

الله أكبر، لكنها تلك فقط قليلا!

Se quattro disperati sono ridotti al coltello da macellaio, alle Chiese (cristiane), ed a far paura a delle suore…

vuol dire che sono proprio male in arnese !

Se poi a tanta sciatta considerazione della vita umana
vi aggiungiamo l’imbecillità – tutta occidentale – di certi ‘articoli’ come qui sotto per immagine…

Soyez prêt le 29 Juillet est la fin du monde./Seien Sie bereit: July 29, das Ende der Welt kommt. Chi è più imbecille ? Chi li scrive  - titoli ed articoli di questo genere -  o coloro che li leggono ,magari con interesse !?

Soyez prêt le 29 Juillet est la fin du monde./Seien Sie bereit: July 29, das Ende der Welt kommt.
Chi è più imbecille ? Chi li scrive
– titoli ed articoli di questo genere –
o coloro che li leggono ,magari con interesse !?

München, Terroranschlag oder Amoklauf?

München (D), Freitag 22. Juli 2016 17.50 ‘The new carnage’. Aber… Terroranschlag oder Amoklauf?

Un giovane ragazzo di origine iraniana, ma di nazionalità tedesca per ‘ius soli’, compie una strage che è profonda espressione di uno straniamento genetico/sociale.

E pensare che ancora molti giornalisti hanno il coraggio di scrivere :’

:’Nello shopping center Olympia, nel quartiere di Moosach. Il killer, nato in Germania, è morto suicida.

“Movente sconosciuto”/”Motive unknown”/”Motiv unbekannt”

Ihr Licht unter den Scheffel !

Ihr Licht unter den Scheffel !

Inutile ripetersi; si veda quanto già scritto in proposito su questi eventi luttuosi, ai seguenti link, tenendo conto delle reazioni ‘all’opposto’, che sono espressioni di protesta ,certo estrema, finalizzata a evitare stragi come quella di ieri a Monaco.
vedi ;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/11/03/piccola-lista-elenco/
,

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/04/29/auslander-raus-aus-unserer-heimat/
,

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2011/12/20/stragie-di-firenze-valutazioni-domande/
,

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2013/08/30/august-28-1963-martin-luther-king-i-have-a-dream/

Massacre in Bangladesh; gooders and hypocrisy do not make it …?

Massacre in Bangladesh; gooders and hypocrisy do not make it …?

Pochi in Italia ricorderanno, sopratutto in questo momento luttuoso ( 1° luglio 2016 ,notte tra venerdì e sabato scorsi ),
la strage di molti operai ed operaie bengalesi morti dopo un crollo di un fatiscente edificio adibito a produzione tessile – per firme italiane prestigiose – in cui si lavorava in condizioni a dir poco proibitive. Era il 24 aprile 2013 – Rana Plaza – Bangladesh.
Tutto fu spazzato sotto il tappeto con affermazioni di non conoscenza, da parte delle ditte italiane tessili committenti, della reale situazione di vita lavorativa, con la vaga promessa di sorvegliare meglio l’operato delle ditte locali esecutrici .
D’altro canto i bei propositi di grande generosità italiana i molti casi espressi, e fattivamente concretizzatisi,
come ad esempio nell’ indennizzare con un vitalizio di circa tremila euro, la famiglia di un bengalese morto per un pugno sferrato da un altro musulmano – tunisino – a Pisa per un semplice diverbio, (Era l’aprile del 2014.)
sembrano non sortire effetto ‘calmante’, ‘rabbonente’ sull’opinione pubblica di questo ,ed altri ,Stati musulmani.
( Vedi circa quel fatto pisano al seguente link;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/04/19/pity-it-is-not-racism/ )

O come le lacrime della Ministra europea, l’italiana Mogherini
vedi al seguente link;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/03/25/brussels-attack-cultural-anthropology-of-a-massacre/

Il buonismo ad oltranza, e l’ipocrisia mielosa sembra non rendano più.

E la conferma di ciò sta
proprio nella tipologia di coloro che hanno composto il commando terroristico; bengalesi del ‘Bangladesh bene’ ;quello colto e ricco. Non un gruppo di disperati votati all’ISIS che nulla hanno da perdere, ma giovanotti di belle speranze!
E, dall’altro , il fatto che gli italiani uccisi erano tutti imprenditori tessili o legati al settore dell’abbigliamento – titolari o dirigenti di ditte locali esecutrici –

E ciò dovrebbe far pensare sopratutto il bel mondo imprenditoriale e politico italiano che ,
sentendo i commenti giornalistici in corso sull’accaduto,attraverso sedicenti esperti di terrorismo islamico,
sembra si stiano ‘nascondendo dietro ad un dito’ .
Fanno finta di nulla…Ignorano le vere cause..!

...Non è forse meglio evitare ogni forma di ipocrisia, 'andando al dunque'  di queste faccende..?

…Non è forse meglio evitare ogni forma di ipocrisia, ‘andando al dunque’ di queste faccende..?

Nota;

Il volo United Airlines 93

– il quarto dei quattro aerei dirottati durante gli attentati dell’11 settembre 2001 –

fu l’unico  a non aver raggiunto il suo obiettivo, schiantandosi in un campo poco fuori Shanksville  in Pennsylvania, piccolo centro abitato a 250 chilometri a nord di Washington.

Ciò fu dovuto molto probabilmente alla coraggiosa reazione di alcuni passeggeri dell’aereo, tra cui una squadra di football americano. Quando si vuole, reazioni di assoluta determinazione si possono avere…

Tanto più che se si prova a cercare notizie su internet, circa questa strage di Dacca, in lingua bengalese – su un motore di ricerca bengalese – si rimarrà delusi! Ne notizie ne, meno ancora scritti di cordoglio etc… Ciò evidenzia ovviamente condivisione silenziosa e collettiva di quelle genti per l’accaduto, non vi pare ?

Se poi notiamo il fatto che  fu rifiutato il lutto nazionale nel marzo di un anno fa per le quattro vittime italiane della strage del museo Bardo a Tunisi,

oggi notiamo ancora che si ripete questo oltraggio non solo alle salme ma anche a tutti gli italiani.

Ovvia la ragione della decisione del Governo italiano di rifiutare il lutto nazionale per le vittime;

sarebbe un affronto al mondo islamico e l’incipit

della formazione di una coscienza nazionale del problema ,sempre vigliaccamente evitato,

consistente nell’impossibilità di un connubio tra due Civiltà ,non solo differenti, ma nettamente contrapposte.

Vedi in proposito ;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/11/03/piccola-lista-elenco/

 

mondi contrapposti

 

Brussels Attack; cultural anthropology of a massacre

(II° parte)

…segue da :’
:’PARIS 13 NOVEMBRE 2015 THE NEW carnage BRUXELLES (…)’, post del 22/03/2016

direttamente attraverso il seguente link;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/03/22/paris-13-novembre-2015-the-new-carnage-bruxelles/

Brussels Attack; cultural/social anthropology of a massacre

alias;

ecco la strategia italiana per evitare attacchi terroristici in casa propria

Poche righe per rilevare un fenomeno – un dato oggettivo – che una semplice immagine ben evidenzia;

si osservi la fotografia qui sotto.

Essa ritrae il Ministro degli Esteri europeo – carica più formale che sostanziale – Federica Mogherini, un’italiana.

No woman no cry ; Federica Mogherini European Foreign Minister

No woman no cry ;
Federica Mogherini European Foreign Minister

Raggiunta , in Giordania, dalla notizia della strage a Bruxelles di martedì 22 marzo 2016, la nostra Ministra scoppia in lacrime, un pianto incontenibile.

Inutile, quanto sciocco, soffermarsi sulle discussioni/polemiche sorte in Italia – e solo in questo Paese – tra i sostenitori della Ministra piangente come una Madonna michelangiolesca con in grembo il Figlio deposto ( la Pietà di Michelangelo…), quale alta e nobile espressione della più pura sensibilità,

e, dall’altro

coloro che sostenevano l’inopportunità delle lacrime stesse, fuori luogo per un alto rappresentante politico che deve mantenere un aplomb impeccabile.

Le discussioni speciose di questo tipo non devono trovare spazio alcuno se si vuole evitare le chiacchiere da salotto, la ‘chat o chat-line’ , come la si chiama oggi.
Sono solo la rivisitazione moderna di vecchie discussioni come ‘il sesso degli angeli’ di medievale memoria.

Più interessante è invece il significato più profondo di quelle lacrime, se osservate come espressione di un mondo culturale, antropologicamente inteso, quello italiano .

Quello del matriarcato italiano.

Roberto Rossellini,
un vecchio regista d’altri tempi, nel Suo ultimo periodo fecondo come regista cinematografico, in cui si sforzava nel produrre opere cinematografiche con intenti pedagogici,
affrontò in una Sua opera il tema del ‘matriarcato’ presente in una improbabile Collettività semplice, antropologica (primitiva) .
E’ stato a quanto pare, alla luce di queste lacrime da Ministra, buon Profeta!

A denti stretti, di mala voglia , si vocifera una verità profonda;
antropologicamente i Paesi europei del nord Europa
– quelli che sfottono i Paesi della ‘fascia dell’olivo’ ( quelli mediterranei ), Italia in testa –
non sono in grado per cultura ( antropologica ) di capire ed affrontare col giusto atteggiamento psicologico i disagi profondi dei Paesi africani e Islamici, che premono sulle frontiere d’Europa con immigrazioni massicce e drammatiche.

La conseguenza ?

La conseguenza è quella di subire attentati pesanti, come già a Parigi ma anche in Spagna; Spagna, seppur Paese mediterraneo più incline ad un atteggiamento ‘duro’, verso i problemi dell’immigrazione sopra accennati.

Si salva l’Italia col suo atteggiamento morbido e accomodante verso gli islamici, i neri etc…

vedi quanto già scritto nel post , direttamente al seguente link;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2013/08/12/kashetu-kyenge-lespressione-di-un-malessere-non-la-causa/

ed anche;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2014/04/19/pity-it-is-not-racism/

In questa ottica, ora chiara, le lacrime della nostra Ministra Mogherini, sono state un piccolo capolavoro espressivo di conferma dell’atteggiamento italiano di resa incondizionata e condivisione NON certo dell’attentato terroristico di Bruxelles MA dei problemi che lo hanno generato.

In quest’ottica, sbandate all’estremo opposto, come quelle dell’italiana ,od ex italiana, ora islamica, Maria Giulia Sergio aiutano la ‘strategia italiana’ nell’evitare attentati in casa propria.

Vedi post al seguente link;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/01/16/dalla-jiihad-asiatica-alla-socio-schizofrenia-europea/

In sostanza tante lacrime, comprensione, condivisione del dolore altrui, made in Italy

– il tutto ha il forte sapore ( per non dire olezzante odore ) dell’ipocrisia più pura –

di origine matriarcale
– la mamma italiana comanda in famiglia e questa comanda la ‘Collettività Italia’ –
per evitare stragi nostrali in casa propria ed mantenere a casa da mammà il proprio pargoletto che magari ha già quarant’anni e prole…

Tutta questa ipocrisia sortirà l’effetto voluto, sopra detto, fino a quando sarà creduto ‘verace’ dagli islamici fanatici ed affini…

Ma se questa ‘maschera’ dovesse saltare…

P.S.
Per ragioni storiche, legate al passato ‘ventennio’ italiano del secolo scorso, l’Italia giornalistica, scolastica, storica etc…
evita di far riferimento alle proprie radici culturali romane ,all’Antica Roma, come radice prima della propria attuale identità.
Meglio così, perché se si paragona la determinazione romana (antica)

con quella

del mondo politico italiano attuale ( di origine matriarcale…) , sarebbe impossibile non rilevare due mondi agli antipodi tra loro benché in diretta origine l’attuale dal precedente!

Nota;

si veda nel post :’
:’‘Who spits in the stoup ? (…)or rather ‘Medice, cura te ipsum ! ‘

(The Christian theme of ‘forgiveness’, in the current crime news).

direttamente attraverso il seguente link;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/01/31/who-spits-in-the-stoup/

ed anche;
Sloppy murder(…)

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/09/02/sloppy-murder/

come sciattamente molti giornalisti italiani trattano il ‘tema del perdono’ offendendo con sciocca domanda i familiari delle vittime di tanta ingiustizia in casi individuali/isolati .

Si noti ,però, che questi stessi giornalisti si guardano bene dal rivolgere simili domande ai familiari delle vittime di queste stragi collettive ; sanno bene che in questi drammi comuni non possono giocare al massacro come fanno regolarmente con i familiari di vittime di singoli/individuali casi criminali…

PARIS 13 NOVEMBRE 2015 THE NEW carnage BRUXELLES (…)

( I° parte)

PARIS 13 NOVEMBRE 2015 THE NEW carnage

BRUXELLES,martedì 22 / marzo /2016 ; (…)

In base a quanto
già scritto in questo blog il 15 novembre 2015 sull’attentato a Parigi del 13/novembre/2015 ;

_______________________

Il post del 15/novembre/2015 ( estratto/sunto )

Je suis Paris ; novembre 2015  Striscioni di questo genere,dopo l'accaduto dei scorsi giorni, li troviamo un pò dovunque. Almeno in Europa. Questo  è presso l'elegante quartiere del 'Rossio' a Lisbona ,Portogallo

Je suis Paris ; novembre 2015
Striscioni di questo genere,dopo l’accaduto degli scorsi giorni, li troviamo un pò dovunque. Almeno in Europa.
Questo è presso l’elegante quartiere del ‘Rossio’ a Lisbona ,Portogallo

(…) IL NUOVO MASSACRO ISLAMICO, CON PIÙ DI CENTO MORTI ,
ai danni del mondo occidentale, e questa volta verso la Francia,vede novità comportamentali da entrambe le forze contrapposte.
Da parte occidentale

(…)

Da parte islamica vede,
non senza una perversa logica, la decisione di colpire con pari veemenza,
– ma non più con ostinata e quasi inutile caparbietà solo un velivolo aereo ,in volo, –
ma il cuore di una Capitale, Parigi.

E’ chiaro al mondo islamico che si ottiene pari terrore da attentati aerei – ormai difficili da compiere per i controlli ferrei – come quello in un semplice aeroporto o città occidentale. (*)

______________________________

in base a ciò,

le tristi conclusioni si sono puntualmente verificate nelle modalità previste…

Vedi direttamente attraverso il seguente link il post di cui sopra un breve estratto ;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2015/11/15/paris-13-novembre-2015-the-new-carnage/

(*)

Quanto sopra semplicemente previsto ,nel post del 15/novembre/2015,

– se non riescono, i terroristi islamici, a tirar giù un aereo basta far saltare per aria un aeroporto –

si è oggi, 22/marzo/2016, puntualmente verificato..!

( e… non è certo questione da ‘sfera di cristallo’…)

Appariranno nuovi ed analoghi striscioni del tipo:’

:’Je suis Bruxelles’

(?)…

continua…in :’

:’Brussels Attack; cultural/social anthropology of a massacre’

continua…

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/03/25/brussels-attack-cultural-anthropology-of-a-massacre/

Tag Cloud