Solo Al Secondo Grado

La TRINITA’ laica ; Ferrara / Santoro / Sgarbi .

( sottotitolo )

………………………….. Quanta pazienza i  ‘comuni mortali’  devono avere ?

Se la Trinità ‘vera’  – quella sacra per i Credenti – ha per lo meno l’attributo di essere costituita da divinità e come tali da esseri ‘assoluti’ , quella qui sopra indicata ha solo elementi che riflettono appieno la negatività e le contraddizini dei tempi in cui viviamo .

Ecco qui di seguito alcune considerazioni in merito .

.…………………………..Giuliano FERRARA,………………………….
il novello Fregoli


Un vecchio adagio recita :” solo i cretini non cambiano mai idea ” .
Osservando il percorso pubblico – tra il ruolo giornalistico e politico – svolto da Ferrara non gli si può attribuire il proverbio citato.Credo che egli rappresenti un caso fortemente esemplare dei tempi che viviamo e che allo stesso tempo rifletta ricorrenze storiche ,realtà viste nel passato e che con molta probabilità continueranno a ripresentarsi in futuro.

Figlio d’arte di famiglia agiata che non può dirsi ‘borghese’ poichè visceralmente militante nel PCI ,riceve una educazione come un certo tipo di ‘privilegiati’ di allora ricevettero; compì, a quanto pare, parte delle scuole in Urss.
Appare chiaro il motivo delle scelte della dirigenza di allora di sinistra in accordo con ‘la casa madre (Urss)’; formare culturalmente politicamente e linguisticamente i rampolli della dirigenza che presto avrebbe preso le redini di un Paese sull’orlo di una svolta epocale.Presto tutto il mondo , convertendosi al comunismo avrebbe parlato russo, essendo la Russia la madrepatria del comunismo.
Per vari anni è stato un abile dirigente del PCI,ma poi qualcosa si ‘interrompe’.Sembra la fiducia scemare in un cambiamento che vede scivolare gli ideali sbandierati in ideologie utopiche,senza soluzione reale alcuna.
Ecco il primo ‘strappo’ ; nel 1983 la ‘crisi’ – o forse l’occasione propizia, ‘a doc’ ?- e la fuoriuscita dal PC.
Si avvicina dunque, mediante articoli su vari giornali, al PS di Craxi e Martelli.
Sappiamo tutti come sono poi andate le cose; il PSI da partito leader è divenuto l’ombra di se stesso,Craxi per non essere arrestato è fuggito in Tunisia dove è morto e Martelli si è fatto un pò di galera tanto per soddisfare la ‘folla’ inferocita nel vedere il castello di sabbia[ leggi benessere] apparentemente indistruttibile,disfarsi in un sol colpo.
Ma il nostro eroe sembra essere [ mi viene a mente il paragone mentre scrivo ] una cellula staminale; si rigenera in maniera impressionante.
Eccolo dunque nel primo governo Berlusconi.
Non si può non pensare che da ‘giovane ragazzo rosso’ ne ha fatta di strada – in tutti i sensi -.
Vi ricordate in una intervista ,nella sfida elettorale con Di Pietro – dove peraltro venne sconfitto – ,in una intervista impugnava un coniglio di pezza con chiaro riferimento al suo avversario che non voleva un confronto diretto magari televisivo con lui?
Sapeva bene della propria superiorità intellettuale e dialettica e sapeva che ne avrebbe, da ciò in un confronto diretto tratto solo vantaggi.
E’ facile ‘giocare’ sapendo che si avrebbe (in quel confronto) avuta partita vinta.

Siamo alla trasmissione ‘otto e mezzo‘ credo con chiaro riferimento all’Opera di Fellini,dove il regista perde i punti di riferimento con la realtà.
Nasce pure un suo giornale;Il foglio’ .
Certamente abile nel discutere le ‘faccende politiche’,meno quando compie per gli ascoltatori – un pò annoiati da tanta politica – delle digressioni di tipo letterario o similari.
Ma dopo tutto questo non vuole essere un ingranaggio di un sistema più grande di lui e cerca ‘una via personale’ alla politica.
Eccolo presentarsi nel panorama politico elettorale con una personale campagna,contro l’aborto.Incredibile ma vero.
Ma tutto questo,sembrano suggerirci gli accadimenti che lo riguardano,sembra scaturire non da personale convincimento ma proprio per sfuggire ad un ‘intruppamento’ inaccettabile per una persona di sicura personalità.
Ma qui il primo grande errore: i ‘diritti quesiti’ non si toccano.Se dai una certa libertà, figuriamoci se poi puoi tornare indietro con il favore di coloro ai quali hai concesso quella stessa libertà.
In realtà questa sua campagna nasce dal fatto di non avere o non poter portare idee veramente nuove nella politica italiana.
Tutto questo nasce dal desiderio dunque di auto affermazione.

Chi vuole divertirsi a cercare casi nel passato vedrà che la storia ne è piena.
A questo fallimento elettorale/politico segue la sua defezione immediata dalla sua stessa trasmissione(8 e mezzo).
Ne ho avuto l’impressione che abbia fatto,
come quei bambini un pò viziati che non sono abituati come ‘gli scugnizzi’ a prendere sonore batoste dalla vita e al primo ‘temporale’ scappano via da mammà.
Lui che aveva dato del coniglio a Di Pietro.
All’interno della sinistra è visto,per quanto udito e magari ci saranno eccezioni in merito, come una persona con sue idee da rispettare perchè sincere.Per intenderci non alla ‘Capezzone‘ se ricordo bene il nome dell’ex radicale.

Ultimamente si è riciclato – mancandogli il mezzo televisivo da protagonista – con una sorta di ‘cameo’  5 minuti post TG UNO . Non fa che comfermare quanto già manifestato .

Per chi ha avuto la bontà e la pazienza di leggere quanto qui sopra un semplice invito a valutare la persona dal suo spessore morale/etico, osservando di volta in volta con occhio obiettivo e non di parte le reali motivazioni che spingono una persona a certe scelte che finiscono per coinvolgere l’intera Comunità.Poichè sono scelte fatte da chi si propone come leader politico cioè come rappresentante di noi tutti.
Da un lato bisogna avere il coraggio di contestare coloro che hanno un che di ”falso, di consumato” dall’altro se le scelte hanno in realtà coinvolto l’intera Colletività occorre avere il coraggio di fare auto critica per le scelte di noi tutti.
Queste considerazioni credo si adattino bene alla nostra paticolare realtà.

Commenti su: "La TRINITA’ laica ; Ferrara / Santoro / Sgarbi ." (2)

  1. ……………….Michele SANTORO,
    il figliol prodigo.

    .
    Il Nostro eroe .

    Nota preliminare :

    avrete notato che i giornalisti – al pari dei politici nello stabilirsi lo stipendio od indennita‘ – hanno il privilegio di poter parlare/scrivere di/su ”altri” con tanto di critiche – spesso piu’ che legittime – ma di essere indenni da critiche non solo alla categoria ma anche ai singoli appartenenti alla categoria,in quanto ”gestori” del ”quarto potere”.
    Si guardano bene dal rivolgere questo potente strumento verso se stessi,per cui non sono mai oggetto o meglio soggetto di critica.
    Se lo sono(o meglio se fanno questo di tanto in tanto) lo sono(lo fanno) ad arte cioe’ speciosamente tanto per soddisfare l’utente distratto o poco sottile nella critica.
    Per cui ”binocolarli” di tanto in tanto non e’ certo atteggiamento ridondante/pletorico e permette a noi tutti di equilibrare un poco il piatto della bilancia dell’equo/leale scambio di opinioni.
    Nel precedente post(sono tentato di scrivere ‘articolo’) ho tentato di far questo iniziando da un notissimo giornalista;Giuliano Ferrara,qui continuo con un altrettanto noto giornalista.

    ; .…………” …io sono il figlio di un ferroviere… ”.

    Di umili origini, da bravo ragazzo studia molto – con profitto – per poter deragliare dai binari,e’ il caso di dirlo,che il destino gli aveva gia’ tracciato.
    La sua carriera lavorativa e’ prettamente giornalistica,collabora con varie testate tra cui, ” L’Unita’ ” .
    All’inizio degli anni ottanta riesce ad entrare in RAI e tra la seconda meta’ degli anni ottanta e la prima degli anni novanta conduce un programma di grande ascolto; ” Samarcanda ”.
    Qui gli argomenti trattati erano di interesse nazionale .Vi si sottolineava spesso il mal costume nazionale nei vari settori,sia pubblico che privato.
    Il programma prima delle elezioni politiche che allora si tennero,fu sospeso poiche’ ritenuto dalla dirigenza RAI – dietro pressioni politiche – influente sulle scelte di voto degli elettori e quindi ”slealmente” influente sull’esito elettorale.
    La sua personale protesta fece testo; un telefono che squillava a vuoto
    e la sua presenza davanti ad una telecamera fissa.
    E poi,che succede mai ?
    Si potrebbe d’acchito – senza avere il supporto del corso degli eventi – realizzare l’idea di un suo impegno magari piu’ radicale con una volonta’ che esce rafforzata anche per il semplice fatto di aver inciso significativamente sulla coscienza collettiva, minando di fatto il potere allora di centro rappresentato dall’apparentemente inamovibile DC supportata dal PSI di Craxi
    .
    Niente di tutto questo.
    Difatti all’inizio della seconda meta’ degli anni novanta ” il gran salto ” in Mediaset dal ‘sciur padrun dalle belle brache bianche…che tira (e distribuisce) le palanche…

    Incredibile/impensabile vero ?

    Di certo era impensabile per tutti coloro (ed erano molti)che da semplici tele-spettatori pensavano che il lavoro giornalistico di Santoro su RAI tre fosse un sincero ed accorato contributo al miglioramento della nostra Collettivita’.
    Ricordo che a telecamere quasi spente di una puntata di ‘Samarcanda’,durante una interruzione pubblicitaria, l’ospite di turno – Sgarbi
    – che allora lavorava per Mediaset,prese sotto braccio Santoro.Li sospettai – ed i fatti poi accaduti mi diedero ragione – l’interesse di Mediaset ad una ‘defezione’ di Santoro, al fine di evitare danni elettorali,in Mediaset.In tal senso a chi miglior incarico se non a Sgarbi?

    Con questa svolta giornalistica o/e se si vuole di barricata,Santoro tanto mi ricordo’ Masaniello,l’eroe prima e despota poi, popolare.
    In Mediaset condurra’ il programma ‘Mobi Dick‘ che ha lasciato il tempo che trova.
    Ma non credo affatto le tasche uguali del nostro eroe popolare.
    Tornato in RAI si e’ rifatto una credibilita’ giornalistica e politica con la presenza di un nuovo Masaniello; Marco Travaglio.

    La parentesi politica di Santoro sembra essere una medaglia alla propria spocchia;un po’ come quelle medaglie di vecchi tronfi Generali d’altri tempi.Lasciamogli il suo turpe vessillo senza Patria.

    Tiriamo un po’ le somme,dai dati oggettivi riportati qui sopra.
    Personalmente mi sento di dire che certi tribuni del popolo,se fanno carriera per sincero impegno derivante anche per la loro umile(ed in questo stimabile) origine da cui traggono bene il quadro delle iniquita’ che tanto pervadono la nostra Collettivita’ ,poi subiscono l’affascinazione del denaro o /e del potere finendo solo per essere dei grandi imbonitori con le aggravanti di aver rinnegato le proprie origini e di aver tradito coloro che gli hanno dato credito.

    Non tutti sono cosi’ ma di certo a questi soggetti
    che la sinistra non critica(nel modo dovuto) per evitare di fare ”outing” cioe’ di lavare in casa i panni sporchi e la destra deride per la loro doppiezza,
    dovremmo rivolgere la nostra assoluta indifferenza.
    Dato che sono in vena di fare paragoni storici/o giu’ di li,scrivo qui di seguito solo una vecchia battuta di un comico di qualche decennio fa’; Renato Ranucci in arte Renato Rascel
    .
    In un Suo monologo televisivo egli ballava o meglio rimbalzava – dato che era vestito da omino della Michelin cioe’ era rivestito da copertoni di ruote di auto –

    .

    rimbalzava dicendo; ” …certo io ho la faccia di gomma e’ vero … ma certi hanno certe facce di bronzo …” .
    A Voi ulteriori considerazioni.

  2. ……………………..Vittorio SGARBI,………..
    il grande affabulatore.

    .
    Il Nostro terzo eroe con tapiro d’oro .

    Come non completare ” l’opera ” con una trilogia ?
    I primi due personaggi ; G.Ferrara e M.Santoro,sono alla base di questa triade. Segue ora una valutazione su chi occupa il vertice di questa novella laica famiglia.

    Di buona famiglia ,Sgarbi compie studi regolari,laureandosi come Santoro in filosofia.Si trova il suo bravo posticino da dipendente/dirigente del ministero dei beni culturali,specializzandosi in tale materia.
    Fin qua una dignitosa carriera ma non certo la notorieta’ che arriva con il suo apparente modo sfrontato ed originale nell’affrontare argomenti di ordine generale. Questa la ottiene con la frequentazione della famosa trasmissione televisiva condotta dal giornalista Maurizio Costanzo
    .
    Ma il pallino per la ribalta e’ di vecchia data. Pare caparbio in tal senso; ” aut TV aut nullus ” .
    Sempre pronto a cogliere le occasioni – uniche – che la vita o se si vuole la storia offre e’ militante in una miriade di partiti politici.Come assessore, come consigliere, come deputato,nel PCI
    nel PSI nella DC nel PLI etc…
    A confronto un ” volta gabbana ” e’ un cocciuto inamovibile oltranzista, fermo su un’ unica posizione!
    Come fa a suo modo Ferrara
    ,cosi’ Sgarbi tenta la strada politica ”privata” per evitare l’intruppamento in Forza Italia,con una propria lista ma gli va male.
    Cosi’ gli andra’ male alle elezioni che porteranno all’ultimo governo Prodi
    .
    L’elettore a quanto pare incomincia ad accorgersi delle discutibili posizioni sostenute da questo singolare candidato.
    Certo e’ che fa salotto ed aiuta il ”video dipendente” a concludere la serata,dopo una giornata di deprimente quotidianita’.
    { Senza pero’ sospettare che di giorno le cose vanno come vanno per le boiate che si sentono la sera attraverso il mezzo televisivo da personaggi di questo genere…}.

    Un po’ come quei comici che ti strappano una risata anche se sei di umore nero.
    Ma almeno a quest’ultimi occorre riconoscere il talento di una intelligente satira,unita ad un vero talento artistico.Ma solo a quest’ultimi.

    Per Mediaset mette su un suo Programma in cui certo serve egregiamente – con il proprio impegno intellettuale – chi paga per questi servigi.
    Vi ricordate la sua affermazione ; ” il Papa ( allora Giovanni Paolo II ) e’ un terrorista!”
    (?)
    Quanto dovette correre per calmare le acque anzi quanto dovette volare,giungendo a noleggiare pure un elicottero per riappacificarsi col Santo Padre!
    Senza poi contare le sue accuse – a cui segui’ querela(?) – all’allora Presidente della Repubblica ( Scalfaro ) .
    I servigi di Sgarbi furono fatti senza mezze misure da questi, a Mediaset.
    Ma il risultato poi sembra concludersi in un ” Tapiro d’oro ”,con reazione furente del nostro eroe.
    Come Mediaset dette il ben servito a Santoro ( dopo ”Mobi Dick”) cosi’ anche Sgarbi era ormai divenuto il meteorite( il cane sciolto potenzialmente mordace) che non preoccupava piu’ il potere mediatico.

    POTERE CHE SEMBRA PRIMA MASTICARTI E POI SPUTARTI.

    Ma questo,si noti, succede se si passa a servire il potere stesso.

    Le conclusioni e riflessioni in merito a questi dati oggettivi riportati sono similari a quelle fatte per i due personaggi nei due post qui sopra discussi.
    A questi dunque rinvio per chi legge.
    Certo e’ che siamo in presenza di un ennesimo caso deludente di genuflessione a Pluto (che non e’ il cane di topolino!) e ad uno smisurato narcisismo. Ritengo che chi mette la propria intelligenza e capacita’ pratiche in modo palesemente discutibile al servizio del miglior offerente per un ipotizzabile interesse personale – allorche’ si e’ in presenza di un impegno pubblico come quello politico che richiede massima trasparenza – non deve godere di fiducia alcuna.

    Ed anche qui,poiche’ si e’ pur sempre in presenza di voti(che legittimano coloro che ne sono i beneficiari), ci si deve chiedere come valutare questi stessi voti e coloro che li esprimono,chiedendoci di conseguenza come questo ”favore maggioritario” possa avvenire nell’ottica di una libera decisione all’interno della cabina elettorale ?
    Dov’e’ la Democrazia nel suo vero significato?

    Un vecchio filosofo del passato accostava il termine ‘ demagogia ‘ a quello di ‘ democrazia ‘ . E’ triste constatare che a distanza di molti secoli questo ‘pendant’ sembra essere ancora attuale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: