Solo Al Secondo Grado

Articoli con tag ‘blade runner’

BLADE RUNNER

BLADE RUNNER

alias;

colui che corre sul filo del rasoio.

Tit.orig. ; idem , USA 1982 regia di Ridley SCOTT .

Apro con una fotografia che inizia il film e poi si fonde non a caso nel riflesso dell’occhio;

BLADE RUNNER, colui che corre sul filo del rasoio

BLADE RUNNER, colui che corre sul filo del rasoio

vedi nella solita pagina;’ quattro chiacchiere sul cinema d’essai…’

o direttamente attraverso il seguente link;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/quattro-chiacchiere-sul-cinema-d-essai-e-sul-suo-scomodo-valore/#comment-1187

Annunci

RELIGION

RELIGION

(Joe Turkel e Rutger Hauer)

Il drammatico confronto tra ‘Padre’ e ‘Figlio’ :

:'(…)avvampando gli Angeli caddero,

profondo il solco divise le Loro Anime. (…) ‘

________________________

Vedi nota(**) .

La dannazione – la caduta sulla Terra – dell’Angelo perduto, non fu solo – ben poca cosa – l’incipit del dramma umano ,
Ma fu essenzialmente – ecco il vero fatto saliente – l’inizio della scalata dell’Uomo al Cielo per scaraventare ,

– utilizzando parole Baudelairiane usate da questi nella Sua Opera :’Les Fleurs du Mal’ – ,

Iddio sulla Terra .

Se questo fosse vero si potrebbe dare una risposta – una spiegazione certo tra le varie possibili – alla terribile domanda :’

:’perché Dio permette che tanto male accada nel Mondo?

Con il ‘libero arbitrio’ a tutti concesso – nessuno escluso –

Satana Tri(s)megisto, –

– ‘che sul cuscino del male lungamente va cullando l’affascinato Spirito (…)’- ,

,l’Angelo prediletto di un tempo, ha subdolamente indotto l’Uomo – dalla notte dei tempi – a vendicare il castigo da Lui stesso subito prima dell’avvento del Tempo .
E l’Uomo ,anch’esso a suo tempo dannato, finì per dimostrarsi ancor più arrogante del compagno di sventura in quanto infinitamente più debole dell’Angelo ribelle .

Entrambi cacciati dal Paradiso, entrambi solidali nella Vendetta .

Ed ancora troviamo
,in questo metafisico percorso della Mente che sa bene di non avere certezza alcuna,

,una risposta al perché :’

:’ perché Dio ha creato un Essere tanto fragile come l’Uomo per affrontare la sfida della ‘tentazione’
– a cui principalmente la Ragione lo ha indotto – ?

Forse per dar prova all’Angelo che anche un infinitesimale potenza dell’Uno ,di plotiniana memoria, può resistere alla ‘tentazione’ a cui la Ragione e le passioni inducono ?

Ma quale ‘tentazione’ ?
Se non quella formata dal desiderio di poter fare a meno del proprio Artefice .

Se così fosse, che prova contraria di grande ,infinita arroganza è stata data dall’Uomo al suo Creatore !

.

Ma… la sfida non è ancora terminata per il semplice fatto che l’Uomo esiste ancora , il giorno del Giudizio è ancora lontano .
Di conseguenza resta all’Umanità intera l’ultimo prodotto della Mente di una Divinità pagana uscito dal vaso di Pandora ;

la speranza

.

Nota (**)
Poche righe di spiegazione/presentazione per quanto in questo articolo scritto .
In un modo o nell’altro – personalmente o collettivamente – si finisce inevitabilmente con il confrontarci con ciò che è metafisico

– cioè sulla natura ultima di noi stessi e di quella delle leggi dell’Universo che ci circonda e di cui facciamo parte – ,

–Le ‘Verità Rivelate’ – le Religioni di tutto il Mondo – hanno dato le loro risposte tramandandole di generazione in generazione .
–Personaggi come B. Pascal – come visto nei quattro articoli circa la Sua ‘SCOMMESSA’, vedi in :’ARCHIVI’luglio/agosto/2011, – hanno fatto altrettanto apportando personali considerazioni .
–Atei ed associazioni di atei – come visto nei tre articoli :’ a proposito de/about/circa ‘ Unione Atei e Agnostici Razionalisti | UAAR ‘ , vedi in :’ ARCHIVI luglio/2011 – hanno tentato di scrollarsi di dosso ogni questione metafisica assolutizzando la Scienza, ovvero trasformando questa in una Religione .
Hanno creato una reale antinomia per elidere una presunta antinomia,ecco il loro risultato .

Personalmente – come spesso devo ribadire – ognuno ,riflettendo anche con l’apporto del Pensiero ed Esperienza altrui, tragga da tutto ciò le conclusioni che meglio crede senza tralasciare l’Idea principe che il fine è la salvaguardia dell’intera Collettività .

Nota finale.
L’interesse per l’Ente supremo ,che trova in Filosofia la Sua designazione col termine : ‘ONTOLOGIA ‘ , non è stato una prerogativa del Mondo filosofico ma anche del Mondo matematico, come l’impegno in merito di un logico prestato al Mondo del calcolo dimostra; quello di Kurt Gödel.
Come H.Bergson – un matematico prestato alla Filosofia ,conosciuto come :‘ il Filosofo del tempo’ -, Gödel si convinse del fatto che la mente umana – il cervello – era un semplice ‘ufficio telefonico centrale ‘, che
‘ non aggiunge nulla a ciò che riceve e che non è fornito di un apparato idoneo a produrre sensazioni e rappresentazioni ‘ .

Fu intuito il fatto che non si poteva ridurre ad un fatto puramente materiale/materialistico la creazione di immagini, rappresentazioni,modelli di ogni genere etc… da parte di un organo come il cervello.

L’infinitezza della mente umana per Gödel ed altri doveva necessariamente trarre origine dallo Spirito che la pervade, e non da elementi puramente materiali .

Tag Cloud