Solo Al Secondo Grado

Articoli con tag ‘Dieci cento mille Nassiriya’

‘Il CHE’ , … Che Guevara ; Uno SPACCATO della NOSTRA SOCIETA’ , alias ; l’ IDENTIKIT ‘ …….

[ vedi link di rinvio in fondo a questo stesso articolo ] .

………..’ IL CHE ‘ del terzo millennio ;
sovrappeso, un pò miope e dall’espressione palesemente intransigente (**) .

Questa è in realtà l’immagine dei tristi accoliti del ‘CHE’ del XXI sec. ,
che seppur pochi gridano forte per coloro (le nuove generazioni) che non li ascoltano più.
Un pò come quei cani che più son piccoli più abbaiano e ringhiano ottenendo solo un unico effetto; quello ‘ SPAM ‘ .

Premessa ;
poche righe di spiegazione/presentazione .

Il presente articolo e le immagini d’animazione/disegni presentate ,frutto di una trasfigurazione in chiave moderna dell’immagine originale del notissimo guerrigliero argentino naturalizzato cubano ;

Ernesto Guevara

possono ben rappresentare l’evoluzione di tutto un Pensiero occidentale ,
ed in particolar modo europeo ed ancora più precisamente di una parte del mondo politico italiano ( parlamentare ed extra parlamentare ),
dal dopoguerra in poi fino alla caduta del Muro berlinese nel 1989 .
Il guaio – con particolar rilievo per il Nostro Paese, l’Italia, – è che qui tale modo di pensare perdura ancora .
Il risultato di tutto ciò è quanto mai bizzarro se non grottesco ;
si ottiene infatti un Pensiero che le immagini d’animazione qui presentate rappresentano appieno .

Lo scadimento da una realtà
ipotizzata attraverso un modello politico ideologico ed economico creato dal filosofo tedesco di origini ebraiche ,Carlo Marx e tragicamente realizzata nei Paesi comunisti
ad una nuova realtà puramente onirica e di sterile consistenza che alcuni intellettuali
( pseudo intellettuali che personalmente definisco :‘ GLI ANTI CASSANDRA ‘ ,vedi articolo al seguente link ;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/i-dossiers-w-tobagi-e-g-rossa/ )
continuano a propugnare ; finendo con lo scadere nel grottesco come le due immagini trasfigurate mostrano/dimostrano .

(**)
Nota ulteriore sull’iimmagine;

; deriva da un lavoro di animazione televisivo :’ i Griffin‘ dell’americano MacFarlane .
In cui si critica attraverso il personaggio/protagonista, l’americano medio .
Bisogna riconoscere che in questo Paese – dove molte contraddizioni e leggerezze nei Suoi appartenenti sono presenti in modo marcato – si è tuttavia capaci di fare della satira di prim’ordine.

Ma….
Proviamo a fare un processo di destrutturazione e ricostruzione di questa stessa immagine –

– già di per se prodotto di trasformazione della famosa fotografia scattata dal fotografo cubano Korda, come sopra fatto cenno –

– , utilizzando la maestria di W. Disney . [ Dunque, come da titolo ,facciamo un ‘ IDENTIKIT ‘ ma… nel tempo ] .

Tolta la barba e gli occhiali, – quest’ultimi poco gli servono dato che legge poco (perchè sa già tutto ed è sicuro di tutto) – messa in evidenza la mascella forte (segno di indubbia forza di volontà), ed infine evidenziato un aspetto complessivo di rude determinazione (votata senza dubbio al benessere collettivo),[anche se qualche ‘mezza lasagna‘ di troppo gli ha fatto evidenziare la ‘curva della salute‘ ],

,ecco che otteniamo un personaggio creato negli anni sessanta, facente parte del mondo di W. Disney – più precisamente di ‘PAPEROPOLI’ – :

: ANACLETO MITRAGLIA .

Poche note su questo personaggio.

—’Minore’ nel senso che è poco presente a differenza di altri nelle famose storie a fumetti.
—’Monotono’ nel senso che è costantemente votato al litigio senza mezze misure.
—Sicuro delle proprie ragioni e sopratutto inamovibile nel NON discutere le argomentazioni altrui, anche se magari valide .
Incredibile come a distanza di anni, certi personaggi seppur frutto dell’ immaginazione siano a loro modo rimasti validi/attuali, nella loro capacità di tratteggiare con ironica intelligenza persone reali non solo del tempo in cui nacquero ma anche del Nostro .

Questo è il link
di rinvio al commento del 14/maggio/2011 alla pagina :’

SOFRI , BATTISTI & C. ( D. FO , incluso ) / Riflessioni varie.

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/sofri-battisti-c/#comment-80

commento che qui ripropongo sotto forma di articolo .

In conclusione (…) ?

Continuare a credere a falsi miti e sopratutto a coloro che li sbandierano a proprio uso e consumo non può che impedire pericolosamente e tragicamente il tentativo di affrontare concretamente e fattibilmente le nuove sfide che i nuovi tempi ci impongono !

Nota finale ;

Uno strano scherzo postumo del destino – o di chi pare a Voi – ha voluto che al Nostro Personaggio qui trattato ,tragicamente reale, fosse dato il nome di battesimo di

ERNESTO ;

proprio come il Protagonista di un’Opera teatrale di fine Ottocento di Oscar WILDE . Opera titolata :’
:’ L’importanza di chiamarsi Ernesto ‘ ( tit. orig.:’The Importance of Being Earnest’)

Opera in cui il brillante Wilde non smette mai di sottolineare ironicamente che :’

:’ solo chiamandosi Ernesto si può combinare qualcosa di buono affermandosi nella vita ‘

.[ Chissà se Ernesto Guevara ha mai rimproverato – o lodato – i genitori di avergli dato questo nome di battesimo ,costringendolo – o permettendogli – così (ad) un ruolo storico del tutto peculiare ; quello di scrivere favole per adulti con il piombo ! ].

In ogni caso alle volte la realtà – è proprio il caso di dirlo – supera la fantasia !

Nota ultima ;

Confrontando le due immagini qui sotto non vi sembrano omologhe con una semplice distinzione di sesso ?

Entrambi ipovedenti con lo stesso mento volitivo ed espressione, stesso sovrappeso etc…

Nota;
Voglio qui ricordare la famosa frase/slogan ripetuto a viva forza a Mestre in Italia, in occasione della visita dell’allora Presidente USA ,George W.Bush, – giugno 2004 – , da un gruppo di dimostranti.La frase era :’

“Dieci, cento, mille Nassiriya”

Ovvero un inno/lode alla strage avvenuta in Iraq contro una base italiana di militari – carabinieri in missione di pace, da parte di un gruppo terrorista iracheno. Morirono una cinquantina di militari tra italiani e altri.

Molti non sanno / e chi sa finge di non sapere che tale frase non è altro che una rielaborazione/parafrasi di una vecchia frase di Ernesto Guevara :’

“…creare due, tre, molti Vietnam / …create two three many Vietnam
Ernesto Guevara; ‘Scritti, discorsi, diari di guerriglia del Che 1969′ e ;’Diario del Che en Bolivia 1968’

Fate un pò Voi .

Oliviero DILIBERTO | OTTO e MEZZO La7

Oliviero DILIBERTO | OTTO e MEZZO La7 | La svolta ?

Nota/premessa .

Pochi giorni fa il, 16/ottobre 2011 , O. DILIBERTO – un esponente assai noto della ‘sinistra italiana’ attualmente della formazione politica ‘ PdCI ‘ ; il Partito dei Comunisti Italiani di cui è segretario nazionale – ha partaecipato alla trasmissione televisiva,a carattere principalmente politico, ‘otto e mezzo’ sulla rete ‘La7’ .

In discussione è stato un fatto di cronaca del 16 ottobre stesso, in occasione di una manifestazione a Roma contro l’immobilità del Governo attuale,ritenuto inerte nel prendere misure contro la disoccupazione giovanile . Protagonisti della manifestazione il movimento degli ‘indignati’– manifestazione sfociata in una bagarre da osteria -, protagonisti della ‘bagarre’il movimento dei ‘black bloc‘ .

————–

Fin qua potremmo dire ‘nulla di nuovo’ sotto il sole .

La svolta vera – ma solo di facciata ,è da temere – sta nella affermazione di O. DILIBERTO che commentando le affermazioni di alcuni dimostranti – a viso scoperto, dunque non ‘black bloc’ – che gridavano ai poliziotti :”servi del potere”

li ha definiti :‘ DELINQUENTI .

Il giornalista de,’La7′ ( Nicola Porro ) – apparso assai stupito del commento di Diliberto, gli ribatte :’

:’ ma come avete sempre affermato ‘‘ i compagni che sbagliano…’

Al che il ‘Nostro eroe’ afferma : ‘di non averlo mai detto’ e con una faccia di bronzo di prim’ordine aggiunge che :’

:’ noi siamo i continuatori della tradizione di Guido ROSSA… ( di cui vedi pagina al seguente link ,
, https://soloalsecondogrado.wordpress.com/i-dossiers-w-tobagi-e-g-rossa/ )

.
Facile capire – non serve neanche intuire – il suo trasformismo alla Fregoli per ottenere nuovo consenso elettorale dopo che si è usciti , come O. DILIBERTO & C. , sconfitti non solo dalle ultime elezioni politiche ma da una svolta epocale come è stato il

crollo del Muro di Berlino

ed elementi successivi .

In altri termini – il Nostro eroe –
cerca di rifarsi una verginità politica che non solo appare fasulla ma profondamente offensiva nei confronti della memoria di persone di ben altra statura morale – e con i calli alle mani – quale è stata quella di Guido ROSSA .

Nota;
Voglio qui ricordare la famosa frase/slogan ripetuto a viva forza a Mestre in Italia, in occasione della visita dell’allora Presidente USA ,George W.Bush, – giugno 2004 – , da un gruppo di dimostranti.La frase era :’

“Dieci, cento, mille Nassiriya”

Ovvero un inno/lode alla strage avvenuta in Iraq contro una base italiana di militari – carabinieri in missione di pace, da parte di un gruppo terrorista iracheno. Morirono una cinquantina di militari tra italiani e altri.

Molti non sanno / e chi sa finge di non sapere che tale frase non è altro che una rielaborazione/parafrasi di una vecchia frase di Ernesto Guevara :’

“…creare due, tre, molti Vietnam / …create two three many Vietnam
Ernesto Guevara; ‘Scritti, discorsi, diari di guerriglia del Che 1969′ e ;’Diario del Che en Bolivia 1968’

Come dico sempre poi – da quanto sopra, fatti e/o mie opinioni – ognuno ne tragga le conclusioni che meglio crede .

Saluti, topo.gigio .

Cloud dei tag