Solo Al Secondo Grado

Articoli con tag ‘FIAT’

DEFEZIONI d’ITALIA | (alias) I FUGONI politici d’ITALIA 2^ parte

DEFEZIONI d’ITALIA | (alias) I FUGONI politici d’ITALIA

2^ PARTE

Due sono i distinguo
che devono essere fatti circa l’impegno in politica di BERLUSCONI ;

il primo
– già accennato nel post :‘ BERLUSCONI ed il suo TEMPO ‘ di cui vedi direttamente attraverso il seguente link ;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2011/11/11/berlusconi-ed-il-suo-tempo/

sta nell’impossibilità per un imprenditore italiano (a maggior ragione se non proveniente da vecchia famiglia di industriali) di operare liberamente la propria attività economica ,

– e ciò grazie/attraverso il secondo comma dell’articolo 41 della Costituzione italiana:’

:’ l’iniziativa economica privata è libera…La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali .’

– ,

senza l’accipit (ricatto)del mondo politico

L’impegno politico di Berlusconi – per questa ragione – può essere compreso ed anche ,al limite, condiviso :

l’operare di un industriale al fine di evitare un ricatto ed un taglieggiamento costante politico, non lo si può criticare .

Ma, si tenga presente, che si è in presenza di una risposta politica distorta ad un sistema politico distorto .

Il secondo distinguo
circa l’impegno in politica di Berlusconi,

sta nel fatto che essendo, come già accennato nella prima parte di questo post, persona con interessi economici di grande rilievo ,il conseguente impegno in politica non può non far pensare che possa farsi una legge quà e là al fine di fare il proprio tornaconto ;

; ‘cicero pro domo sua, legem ‘ .

Questo secondo aspetto non è per nulla condivisibile anche alla luce dei due casi politici storici di cui fatto cenno nella prima parte di questo post ( Quintino Sella e Sidney Sonnino ).

(**)
__________________

Circa il tentativo di Montezemolo di impegnarsi in politica,

non possiamo che rilevarne l’inconsistenza sotto tutti i punti di vista .
Certo può aver pensato :’
:” se ci ha provato lui (Berlusconi), con tutti i vantaggi che gliene sono conseguiti, perchè non posso provarci anch’io ?”
Pur a dispetto dell’insegnamento del compianto avvocato Gianni che, seppur Senatore a vita non si è mai realmente gettato minimamente nella bagarre politica .

Poca nobiltà in tutto questo ( per giunta da parte di un nobile con sangue blu certificato !) ; ad una classe/casta politica di faccendieri come quelli della vecchia tangentopoli e di tangentopoli 2 ,
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/10/03/tangentopoli-2-polirepulisti/,

,se ne sostituisce un’altra altrettanto interessata ;
come dire :’ dalla padella…’ .

Il vecchio compianto avvocato Gianni pare si limitasse ad affermare – con discrezione ai suoi collaboratori – negli anni novanta,quando Berlusconi decise di lanciarsi in politica :”

:” Se vince lui vinciamo tutti , se perde , perde solo lui ” .

Molto cinico ma aveva il merito di rimanere discretamente da parte dal mondo politico .

Un ultimo aspetto è da sottolineare circa il tentativo d’impegno di Montezemolo in politica ;
la sensazione è quella di una sua totale perdita di contatto con la realtà di tutti i giorni .
Un soggetto del genere nato e cresciuto nell’agiatezza e con privilegi non meritati se non per nascita ha pure il coraggio di pensare di poter ottenere il favore elettorale di molti…

solo per cosa ?!

.
(**)

Circa la notizia recentissima, di ieri 27/ottobre/2012 , riguardo il rientro in politica di Berlusconi da lui stesso data (da premier nel suo partito) dopo l’annuncio di farsi da parte, rileva – anche dal suo linguaggio del corpo nel dare tale annuncio –
tutto il suo astio circa la condanna ricevuta in primo grado del giorno prima per frode fiscale ;

come dire:’
:’tolgo l’appoggio parlamentare all’attuale Governo Monti, con le conseguenze drammatiche che ne deriverebbero, ( intenzione espressa palesemente da Berlusconi stesso) se i Giudici non cambiano parere nel grado secondo di giudizio nel processo in corso a mio carico ‘.

Annunci

DEFEZIONI d’ITALIA | (alias) I FUGONI politici d’ITALIA

DEFEZIONI d’ITALIA | (alias) I FUGONI politici d’ITALIA

E’ di questi giorni la notizia circa il passo ‘indietro’ in campo politico di due noti esponenti del mondo politico e industriale italiano ;

Luca Cordero di Montezemolo e Silvio Berlusconi

,

retromarcia – sarebbe meglio dirla, come in un vecchio programma televisivo, ”TUTTA INDIETRO” – .

Le ragioni addotte dai due sono;

(Montezemolo)
, ho tante cose da fare preferisco seguire i giovani nella loro affermazione lavorativa e politica(…)

(Berlusconi)
, mi ritiro per far posto ai giovani a cui darò i miei consigli e anche per amor di Patria

a proposito di amor di Patria ,cioè del patriottismo ricordate le parole di Samuel Johnson :”

:” il patriottismo è l’ultimo rifugio delle canaglie …’

( riportate in un famoso film di Stanley Kubrick , ‘orizzonti di gloria’)

Ebbene nessuno di loro ha avuto il semplice coraggio di ammettere il ritiro per impossibilità di vittoria.

Impossibilità che deriva dalla lettura – privata – dei così detti sondaggi pre-elettorali .

Molto semplice e molto chiaro .

Come detto nell’articolo qui sotto :‘ Gli orfani di BERLUSCONI | i LACCHE’ ‘,

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2012/10/16/gli-orfani-di-berlusconi-i-lacche/

quando la nave affonda i topi abbandonano la nave e…

infine pure il(i) comandante(i) ! .

Appare chiara invece – e qui sarebbe il loro vero coraggio se mai ne hanno avuto, coraggio unito ad onestà mentale

la necessità di riflettere sull’insuccesso potenziale elettorale dei due soggetti , dovuto a tanti danni provocati o da interessi personali in campo politico – fatto inammissibile, basta ricordare i casi storici di Sella e Sonnino (**)– come per Berlusconi

,o

sul fatto che basta nascere da famiglia del salotto buono (‘enfant de la balle’,come dicono i francesi) per avere posizioni di prestigio e responsabilità ,quando al massimo si può essere dei buoni impiegati del catasto ;( senza nulla togliere a questa ben amata categoria! ), come nel caso di Montezemolo

(**)
Quintino Sella e Sidney Sonnino erano due politici italiani ed imprenditori ( tra (800 e 900) che si ritirarono dal mondo industriale per poter ricoprire cariche politiche nell’allora Regno d’Italia .

Questa è l’Italia !

BERLUSCONI ed il suo TEMPO

BERLUSCONI ed il suo TEMPO

alias ;

tutto ciò che si sa ma nessuno osa dire .

Nell’ottica – ma non solo – degli ultimi drammatici eventi economici , di cui i più non sembrano stranamente rendersi conto o forse tentano di esorcizzarli con una sorta di apatia collettiva, seguono qui di seguito una serie di brevi considerazioni di questa singolare figura, ma non tale nell’ambito storico ,di un leader che come la fenice sembra risorgere dalle proprie ceneri .

Primo punto .

Storicamente non è certo il solo ne il primo .
( Molti periodi hanno avuto il loro ‘Cesare’ – piccolo o grande che sia – )

Un vecchio adagio recita

:’ Stati deboli attirano inevitabilmente uomini forti ‘

Dopo la deblacle economica dei primi anni novanta
è seguito una sorta di repulisti generale – non certo con uno stiletto, ma con una vera e propria mannaia giurisdizionale – della classe dirigente di allora .
CRAXI in testa e colleghi sono stati resettati da giudici che se ,solo pochi anni prima , avessero solo osato chiamare in giudizio un politico della leadership sarebbe stato mandato ad amministrare la giustizia in una qualche isoletta siciliana o sarda .

Tutta questa operazione ebbe il nome notorio di

‘tangentopoli ‘

Nella storia si ritrova tutto questo ad es. nella Rivoluzione francese – dove la mannaia era non solo giuridica – e prima ancora nella remota antica Roma con il processo a Catilina etc…

Berlusconi si ritrovò senza un ‘tutor’ politico
– cioè CRAXI – che permetteva a lui ed altri di poter fare affari economici in cambio di ‘sovvenzioni private ad enti pubblici’ ( leggi :‘tangenti’ )cioè ai vari Partiti politici .
Sovvenzioni che servivano a mandare avanti quella sorta di grande carrozzone dei privilegi ma anche para-assistenzialistico che costituiva il sottobosco della politica italiana .
Berlusconi era uno tra i tanti ( industriali) che si piegavano gioco forza a quella sorta di patto non scritto .
Anche l’universo F.I.A.T. era sottoposto a tutto questo,
ma nessun componente della famiglia Agnelli ricevette avvisi di garanzia
.
Solo Romiti – l’allora amministratore delegato della F.I.A.T. – ebbe quache noia, ma poi fu ben ripagato da titolo/incarico senatoriale .

Si noti dunque la differenza
di trattamento tra vecchi consolidati ‘ricchi’ – gli Agnelli in questo caso – e ‘nuovi ricchi’ – Berlusconi -, malvisto perchè troppo bravo ed invadente come diverrà di li a poco quando scenderà inevitabilmente in politica .

Secondo punto .

Sceso in politica avrà campo facile ; spazzata via la vecchia classe di un tempo avrà strada libera .
E dovrà percorrerla per evitare che nuovi ‘padroni politici’ per giunta anti capitalisti come il P.D. si sostituiscano a CRAXI nelle richieste economiche .Anzi tentino di distruggerlo economicamente perchè estraneo ai vecchi buoni salotti del Potere .(**)

Una riprova di quanto qui sostenuto ?

Ne fornisco due ;

la prima
sta nell’affermazione di Berlusconi nel film andato in onda su La 7 :‘ Silvio forever’ in cui afferma :’

:’ quando manca una classe politica al potere io brindo a champagne ‘ [ // ]

(vedi testo del film citato direttamente attraverso il seguente link;)

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/quattro-chiacchiere-sul-cinema-d-essai-e-sul-suo-scomodo-valore/#comment-163

od anche;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/tag/cinema-dessai-silvio-forever/

Una spiegazione possibile ad una affermazione di questo genere sta proprio nell’argomentazione di cui qui sopra circa il foraggiamento ai vari partiti politici.

la seconda,

sta nel fatto che dopo che BERLUSCONI è andato al potere – non dovendo più sovvenzionare i vari Partiti – si è arricchito a dismisura .
E questo non tanto per le leggi ‘ad personam’ – forse anche per questo – ma principalmente perchè non doveva più pagare nessuno ! (*)

(*)
Una terza dimostrazione sta nel tentativo del PDL – cioè di Berlusconi stesso – di modificare un articolo della Costituzione italiana ;

;‘ l’articolo 41 ‘, che recita ;

”’L’iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali .”’

Può a prima vista apparire bizzarro modificare un articolo che già permette l’iniziativa privata anzi la tutela .
Ma leggendo il terzo comma si nota che quella sorta di super visione di chi detiene il potere,
– e Berlusconi ha certo pensato alla modifica di tale articolo in funzione di quando il potere non l’avrà più –
,ha permesso ai partiti di bloccare arbitrariamente a proprio uso e consumo molte iniziative private .
In altri termini ha permesso la nascita ‘ dell’UNIVERSO TANGENTOPOLI ‘

Pertanto modificare in senso più liberale quel terzo comma dell’articolo 41 voleva dire evitare il ‘ricatto politico’ perpetrato dal politicante di turno al potere, ai danni di un imprenditore e quindi ai danni di un’intera Collettività .

(**)
Inoltre qualche giorno fa la nota giornalista politica Lucia ANNUNZIATA nella trasmissione di Gad LERNERL’infedele‘ alla domanda del conduttore circa l’atteggiamento della classe politica ( di sinistra nel caso) verso le famiglie del potere economico -come gli Agnelli- ebbe a rispondere con visibile titubanza affermando che vi è in Italia una sorta di timore reverenziale verso i vecchi gruppi di potere economico .

In realtà Berlusconi – appare ora evidente per quanto sopra detto – è venuto a rompere tutto un collaudato vecchio e consolidato equilibrio fatto di potere economico e politico in cui ‘affarismo e politica’ si intendevano bene .
Berlusconi al potere significava un assetto non accettabile perchè molti rimanevano ‘NON FORAGGIATI’ .

In conclusione ?

Non si pensi ingenuamente che si arriverà ad una nuova realtà più linda ,

si tornerà in un modo o nell’altro

ai ‘vecchi santi ‘

in cui a nuovi padroni si sostiuiscono i vecchi .

Come ne : ‘La fattoria degli animali ‘ ( ‘Animal farm’ ), di George Orwell .

(…)Alla fine il ‘vecchio padrone’ brinda con i ‘nuovi padroni’, i porci . In un sodalizio che non lascia spazio alcuno alla speranza .

Vedi anche al seguente link ;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2011/10/25/1100/

[ // ]

Le parole esatte espresse da Berlusconi nell’intervista riportata nel film trasmesso l’8/settembre/2011 su : La 7 ; ‘ Silvio forever’ sono le seguenti :”

Berlusconi
:” (…) a Milano succedono tutte le cose importanti. Roma è il centro politico e nient’altro .”

Giornalista
:” Ma queste decisioni politiche pesano in modo condizionante ? ”

Berlusconi
:” Ahimè si,
io sono un qualunquista da questo punto di vista,perchè quando tutti sono preoccupati che siamo in crisi di Governo,
– io ho degli amici che mi telefonano da New York che mi dicono :” Ah perbacco ti va male non c’è il Governo ! ” –
io invece gli dico :” guarda che sto brindando a champagne ! E mi auguro che non ci sia per molto tempo ” .

Tag Cloud