Solo Al Secondo Grado

Articoli con tag ‘la corazzata potèmkin’

S. M. Ėjzenštejn ; Google remembers – on January 22, 2018 – the anniversary of the Russian film director

On January 22, 1898 S. M. Ėjzenštejn was born in Riga (Latvia) – exactly 120 years ago -; the film director of the USSR (CCCP).
Here is a comprehensive reference to the value of your film commitment.

S. M. Ėjzenštejn ; Google remembers – on January 22, 2018 – the anniversary of the Russian film director

s m

‘ La corazzata Potèmkin ‘/Бронено́сец Потёмкин“ Bronenossez Potjomkin  :

Battleship Potemkin / Battleship Potyomkin ( Броненосец Потёмкин) or rather, the marginalization of culture in favor of an ideology/ovvero l’emarginazione della Cultura a favore di una ideologia .
( prima parte )

Titolo originale :’
‘ Bronenosec Potèmkin ‘ – di S.M. Ejzenstejn del 1926.

la corazzata potemkin

Un’immagine del film .

Vi sono altre due Opere che l’hanno temporalmente e tematicamente preceduta ;

°
Nascita di una Nazione ‘ – The birth of a Nation – di D. Wark Griffith del 1915, (USA)

e l’Opera;

°
L’ultima risata ‘ – Der letzte Mann – [ ‘l’ultimo uomo’, titolo letteralmente tradotto ma cambiato nella versione italiana in :’ l’ultima risata ‘ (§) ]  di F.W. Murnau del 1924  (Germania)

La corazzata potèmkin .

Accenno alla storia.

Su una corazzata imperiale russa le condizioni di vita sono assai dure per i semplici marinai .
Un pezzo di carne di manzo avariato a loro servito come rancio genera contestazioni . L’ufficiale medico ne attesta la qualità negando l’evidente putrescenza.
I marinai indicono uno sciopero ‘della consumazione del rancio ‘ .
La situazione degenera ed un marinaio muore.
Il sacerdote a bordo non mostra la benché minima sensibilità, aggravando la situazione .
[ viene ribadita nella didascalia la frase : ‘ per un piatto di minestra…’ ] .
Una volta a terra – nel porto ucrainiano di Odessa – si sparge la voce sui fatti accaduti .
I famosi cosacchi – zaristi convinti – non mostrano pietà e sparano su chiunque, avanzano scendendo la famosa scalinata Richelieu.
I marinai – ormai impadronitisi della Potèmkin – decidono di affrontare le navi zariste inviate per sopprimere la rivolta .
Ma nessuno sparerà un colpo; come poco prima sulla Potemkin i marinai si sono rifiutati di fucilare i loro commilitoni, così avviene tra gli equipaggi delle navi militari che con un tacito e solidale accordo decidono di ribellarsi alla tirannia zarista.

[ La storia della rivolta, dell’ammutinamento dei marinai della corazzata Potèmkin, nel luglio 1905, è fatto reale.
Ejzenstejn comunque lascia immaginare allo spettatore – qui distorcendo i fatti storici – che l’ammutinamento è solo l’incipit di una grande rivoluzione non solo cittadina, ma anche di una Nazione e poi… mondiale (nelle aspettative sovietiche di quei tempi).
L’ammutinamento del 1905 si concluse ,in realtà, in una repressione della rivolta nell’indifferenza più assoluta della popolazione di Odessa. ]

E’  invece l’incipit ,nell’Opera cinematografica, di una rivolta/rivoluzione a 360 gradi che porterà alla rivoluzione bolscevica russa del 1917…

Due i temi capisaldi di questo ( di questi tre film ) film ;

il primo  tema sta nella innovazione cinematografica ;
 comprimere in una due ore ciò che avviene in giorni, mesi ed anni etc… ( non si deve dimenticare che siamo agli albori dell’Arte cinematografica ).
 Le espressioni analogiche ;  ad es. le inquadrature di un leone di pietra prima sdraiato e poi seduto a figurare il popolo prima dormiente e poi desto .Od anche le immagini dei cosacchi ripresi in alcuni particolari della divisa ( gli stivali, i berretti…) come elementi indicanti la spersonalizzazione di chi agisce freddamente…

il secondo tema sta non nella ricerca puramente cinematografica ,di cui qui sopra portati alcuni elementi,

ma nel’ utilizzare un film in quanto mezzo di comunicazione di determinati valori .

Valori che possono spaziare da elementi puramente interiori all’essere umano quali i sentimenti più intimi ,a quelli politici o morali etc…
Ovvio il contenuto politico della corazzata Potèmkin .

Circa il primo aspetto – l’innovazione cinematografica – ,
gli altri due film di cui sopra avevano già espresso prima della ‘corazzata Potèmkin’ tali valori, che saranno poi sviluppati nella cinematografia. (Basta guardarseli e confrontare le date)

Circa il secondo aspetto – il film in quanto mezzo di comunicazione di determinati valori – ,
a parte il fatto,saliente, che si è ben visto il fallimento storico ed economico del comunismo e compagnia bella , inutile dunque soffermarcisi sopra .
A parte ciò, sia in: ‘The birth of a Nation’ che in: ‘Der letzte Mann’ sono già presenti appieno valori di carattere politico e sociali, universali. Entrambi anche per questo aspetto precorrono,anticipano il film russo.
Inoltre, in:‘Der letzte Mann’, Murnau rappresenta un aspetto del tutto peculiare; quello intimista. Ciò grazie ad una acuta introspezione dei sentimenti che percorrono il protagonista. (un ‘anonimo’,nel senso etimologico del termine, portiere d’albergo interpretato dall’attore Emil Jannings). Non per niente rientra nel così detto genere ‘Kammerspiel’, allora del tutto nuovo.

———

Ho qui sopra elencato tre film;
con il fine di valutarne correttamente uno, quello russo.
Circa il primo aspetto di cui sopra va sottolineata la considerazione ,valida in tutti i campi della ricerca e nel nostro caso cinematografica, che il valore di un’Opera sta nell’originalità, ovvero esser opera prima, cioè non epigona di una che precede . (Oltre che nei contenuti, ovviamente)
E ciò è certo elemento fondamentale per determinarne il valore assoluto, indiscutibile. Appare dunque ovvio, che le due Opere temporalmente precedenti quella di Ejzenstejn, sono di valore primo.
Quella di Ejzenstejn , non fa che ripercorrere una strada cinematografica già esplorata dai due film precedenti ora citati.

In modo diverso trattano lo stesso tema/problematiche cinematografiche.
Ma l’Opera che viene ricordata è solo la prima ; quella del russo Ejzenstejn. E non ,come visto per meriti/qualità sue particolari.
Questo è un tema che mai è stato affrontato sui mezzi di comunicazione vari.
Ne dalla storia della cinematografia più recente
.

Ciò pone l’interrogativo sul

perché di questa errata valutazione del valore dell’Opera di Ejzenstejn,

ed inoltre l’interrogativo sul

totale silenzio della moderna storiografia cinematografica (e non solo cinematografica) in merito a questo clamoroso errore!

vedi, [//]

( segue , )

La corazzata Potèmkin ‘ :

Battleship Potemkin / Battleship Potyomkin ( Броненосец Потёмкин) or rather, the marginalization of culture in favor of an ideology / ovvero l’emarginazione della Cultura a favore di una ideologia .
( seconda parte)

Come detto il film più vecchio, dei tre sopra citati è : ‘The birth of a Nation’ ‘Nascita di una Nazione1915 di David Wark Griffith.

David-Wark-Griffith2
D. W. Griffith , il primo a destra di chi guarda .

Siamo agli albori della cinematografia.
Questa Opera di Griffith è da vedere come
il primo film in assoluto
in cui la pienezza dei mezzi espressivi ( il montaggio,la caratterizzazione dei personaggi,l’uso del carrello per la cinepresa etc…) raggiunge l’apice artistico .
Cioè ‘ l’innovazione cinematografica ‘ di cui sopra detto .

Quest’Opera americana è dunque il solo vero caposaldo della cinematografia mondiale

Il secondo film,
L’ultima risata‘ ‘Der letzte Mann’ di Murnau del 1924.
Toccando gli stessi temi innovativi  che Wark Griffith affrontò nel 1915  ,cioè l’innovazione cinematografica, ‘  è sicuramente la prima in Europa .

E come tale è il vero capolavoro europeo .

(§)
Il titolo originale: ‘Der letzte Mann’, tradotto letteralmente ‘ l’ultimo uomo ‘, e poi tradotto in Italia ,come in altri Paesi (ad esempio la Spagna ed il Portogallo etc…) con il titolo de : ‘ l’ultima risata ‘
– da una scena del film in cui il protagonista ride (di chi?) di buon cuore per gli inattesi risvolti che il fato procura –
significa, in una traduzione più accorta, : l’ultimo degli uomini, con riferimento al degrado in cui il protagonista del film viene ridotto dal cinismo sia del suo datore di lavoro, sia dai suoi meschini familiari.
Ne segue che la diversa traduzione in vari Paesi del titolo originale in :‘ l’ultima risata ‘, indica ciò che recita un vecchio adagio :’

:’ride bene chi ride ultimo/he who laughs last laughs longest

wer zu letzt lacht, lacht am besten

Il terzo film è la famosa
Corazzata Potemkin’ del 1926 ,Opera sovietica,euroasiatica.

Per gli aspetti di cui ora detto è solo la continuazione / copia delle due Opere suddette .

Quando si toccano tematiche di carattere politico,sociale ed economico come in queste tre, ciò che ho chiamato ‘scomodo valore’, si fa sentire sonoramente. In questi casi l’onestà intellettuale vine meno, scompare.
E la riprova sta proprio nel fatto che ne viene rammentato dai posteri uno solo dei tre film , benché sia temporalmente successivo agli altri due e dunque di puro valore riflesso… .

[//]
Un accenno alla motivazione di fondo che spiega l’interrogativo :’

:’perché questa errata valutazione del valore dell’Opera di Ejzenstejn,come Opera prima di valore cinematografico?

Nel primo film (‘Nascita di una Nazione’ ‘The birth of a Nation’ di D. Wark Griffith )
alcuni episodi legati al problema dell’integrazione degli afro americani negli USA, che portarono a suo tempo polemiche col regista,hanno relegato lo stesso film ad essere messo in disparte .

Nel secondo (‘ L’ultima risata ‘ ‘Der letzte Mann’ di F.W. Murnau )
il protagonista,un lavorante d’albergo accantonato dalla sua stessa famiglia,è visto come parallelo/simbolo di una Nazione – quella tedesca – umiliata dopo la Grande Guerra. Il protagonista è dunque visto come antesignano della riscossa di un popolo intero.Scomoda anche questa realtà come per il primo.Inevitabile l’adombramento dello stesso.

Se da un lato
un atteggiamento ‘codino’ presente nella sceneggiatura del film di Wark Griffith,
e una posizione politica internazionale di grande diffidenza verso il mondo germanico e quindi verso il film di Murnau,
hanno portato ad un rifiuto dei pregi indiscutibili presenti nelle due Opere,
dall’altro
l’esplosione sul piano culturale del materialismo storico, unito alla formazione di Stati socialisti quali l’URSS, hanno entrambi spinto – con modalità ben differenti – all’affermazione del film di Ejzenstejn, malgrado i limiti non solo di pura valenza cinematografica, ma anche di contenuto (vedi(**))

(**)
Se noi andiamo a guardare ai temi politici del terzo,ai contenuti, notiamo immediatamente che ne : ‘La corazzata Potemkin’, i temi sono di altrettanta limitatezza storica; cito ad es. il Pope ( il sacerdote in russo) visto come uno stregone, privo della benché minima sensibilità umana.
Così come un singolo componente della popolazione ,ribellatasi nel porto di Odessa, afferma:‘abbasso/a morte gli ebrei’ ed è immediatamente linciato dalla ‘saggia’ popolazione.
Entrambi non sono che puri stereotipi; semplicistici preconcetti degni di film di bassa lega.
Poi in realtà, sappiamo bene che i ‘progrom’ sovietici fecero strage di ebrei.
Credo che si possa sinceramente affermare che la sudditanza ad una cultura di sinistra – in realtà una pseudo cultura – , abbia portato a certi errori – dolosi – in molti campi. Anche nella storia della cinematografia, come qui mostrato.

Nota,
provate a ricercare in internet elementi critici quali qui riportati sui tre film, ed in particolare sul film di Eisenstein ‘La corazzata Potemkin’; non troverete che chiacchiere. Vuoti commenti su di un film ritenuto per antonomasia un capolavoro a fondamento di questo o di quello…
Quando in realtà non sanno minimamente ciò che affermano; ripercorrono soltanto un cliché elogiativo di vecchia data frutto di una critica faziosa scevra di un qualsiasi costrutto di valore.

Un esempio? Ecco un paio di links di rimando – tra i tanti possibili – su due social;
‘ciaopeople’ di Gianluca Cozzolino & C.;

https://www.fanpage.it/sergei-eisenstein-il-120-anniversario-della-nascita-e-google-gli

ed anche;

‘La Repubblica’, noto quotidiano;

http://www.repubblica.it/spettacoli/in-sala/2015/06/05/news/_eisenstein_in_messico_-116125261/

ed ancora, dando uno sguardo in Gran Bretagna,

‘The Telegraph’, giornale inglese,

http://www.telegraph.co.uk/films/0/best-movies-ever-made-according-rotten-tomatoes/battleship-potemkin-1925/

———-

Elementi conclusivi su : ‘ Nascita di una nazione’ / ‘La corazzata Potemkin’ / ‘L’ultima risata’.

eisenstein3

Il regista russo di origini tedesco/ebraiche Ejzenstejn .

Nota personale: a quei tempi e a quelle latitudini a quanto pare era di moda un simile taglio di capelli ; scompigliato !.

Il valore attuale della ‘corazzata Potemkin’

 

Ritenuta a torto ,come sopra mostrato, un ‘caposaldo’ della cinematografia , essa ci appare comunque utile a indicarci il modo di pensare/procedere nella realtà culturale del novecento.
Ejsensteyn confessò che ebbe timore per lungo tempo di venir deportato per un possibile non gradimento dei suoi lavori cinematografici da parte della dirigenza.
E difatti dopo l’ultimo film da lui diretto, e non gradito dalla nomenclatura sovietica, ad Ejsensteyn venne un infarto che lo seppellì!
L’atteggiamento che prevalse nel mondo comunista di allora fino a giungere ai nostri giorni fu quello di separare la classe dirigente/intellettuale da quella che loro ritenevano di tutelare ; il popolo.
Si veda ad es. le stelle presenti ancor oggi nella bandiera cinese;
una rappresenta la classe contadina,
una quella operaia,
una quella dell’esercito
ed infine una rappresenta la classe dei dirigenti/intellettuali – del Partito.
Era una situazione in cui si pensava che dall’alto si sarebbe potuto ‘fare/creare’ l’uomo nuovo.Il pasticcio che ne è risultato è sotto gli occhi di tutti.
Appare chiaro che le forze non intellettuali del Paese non abbisognavano di una cultura profonda che permettesse loro di ragionare e giungere a tirare le somme della realtà circostante.A tutto dovevano pensare gli ‘intellettuali’/’dirigenti’.

Oggi che succede dopo il crollo del muro?
Da un lato vi è chi rimane saldamente attaccato alle vecchie idee ‘ortodosse’,ma poi la maggior parte,di fronte alla realtà profondamente mutata cerca di riprendere il ‘cammino’ verso

un modello di uomo nuovo partendo però dal basso e non più dal palazzo come una volta.

 

Questo il tentativo di svolta, che rappresenta forse l’unico possibile valore attuale che possiamo vedere rinascere attraverso l’Opera di Ejzenstejn.

Si noti che Ejzenstejn con il suo film non volle tessere un inno alla rivoluzione bolscevica del 1917. Egli riprende soltanto gli ideali libertari rivoluzionari francesi. / Note that Ejzenstejn with this film did not want to write a hymn to the Bolshevik revolution of 1917. He only took back the French revolutionary libertarian ideals.

 

Ed è proprio forse attraverso questa sorta di anelito di Libertà, Giustizia -vera- e Fratellanza universale che quest’Opera trovò nuova vitalità e rivalutazione nella seconda metà del XX secolo (…a far data,se su vuole, dal 1968 in poi…) [ç]

 

—————-

[ç]
‘La corazzata Potèmkin’,
, visto oggi in un’ottica di politica internazionale, non può che far nascere una profonda perplessità nello spettatore più attento ( e sopratutto intellettualmente onesto), destando in lui un mal celato stupore per tanta ingenuità, sia nei propositi di coloro che lo commissionarono (la leadership sovietica) sia in chi lo girò (Ejzenstejn). Nonché stupore per il plauso internazionale che ha avuto fino ai giorni nostri.
Propositi qui subito sopra delineati in una sorta di anelito di Fratellanza universale.
Certo esso apparve invece – nella seconda metà del secolo scorso – come un valido strumento di sostegno, e di propaganda, alle idee poi esplose nel 1968(…).
In proposito non può che venirci in mente, nel voler dare – indirettamente – la giusta misura a quest’Opera tutto sommato ingenua, un film di una quarantina di anni successivo e di pochi precedenti il 1968 :‘Gli ammutinati del Bounty (Mutiny on the Bounty ) USA 1962’. ‘  Quest’Opera con Marlon Brando, seppur di pari ingenuità, ha almeno il merito di non aver minimamente voluto essere pretenziosa ne dal punto di vista contenutistico (grandi ideali politici etc…) ne dal punto di vista cinematografico.
In compenso permette allo spettatore di ‘ammazzare il tempo’ in maniera assai piacevole.

Qui la lungimiranza americana;
 nell’aver dato  involontariamente ed obliquamente con questo feuilleton (Mutiny on the Bounty ), girato nei mari del sud, la giusta misura del valore  – assai scarso,come visto –  della presunta grande Opera di Ejzenstejn,
è lodevole, anche nel mezzo utilizzato!

—————

Ai giorni nostri  – nel terzo millennio, nel’ era successiva alla ‘guerra fredda’ –  si invitano dunque le forze ‘popolari’ ad essere loro stesse artefici del cambiamento.Si invita alla critica democratica,che una volta nei Paesi dell’est avrebbe comportato tragiche conseguenze.

[Ma, si noti,che questi inviti ad una partecipazione attiva a delineare le linee guida del Partito, avvengono soltanto nei Partiti comunisti occidentali – riciclatisi sotto altre denominazioni – , vedi ad esempio il Partito Democratico (ex P.C.I ; Partito Comunista Italiano)]

Personalmente credo un lavoro/impegno inutile perchè sempre frutto di un imput dall’alto e qundi falsamente democratico.
Mi preme sottolineare che come quasi sempre nella storia sono le classi meno fortunate a rimetterci e prendere colpi da una parte e dall’altra.
E’ notorio,per fare un es. che nei Paesi ex comunisti la nuova classe dirigente capitalista ha,per la stragrande maggioranza dei casi,origine dal ‘Partito’.

Nei Paesi ex URSS,
di contro dopo anni da ‘incubo’ ,almeno tra le persone fornite di sensibilità e discernimento, la reazione ai fatti del 1989 è stata ben differente.
Basta osservare l’Opera/installazione qui sotto!

(Nel caso di quest’Opera, va rilevato che precede di tre anni l’evento epocale di Berlino, ciò grazie al fatto che il suo autore poté emigrare dal suo Paese.)

Ilya Kabakov The man who flew into space from his apartment

The man who flew into space from his apartment.
Ilya Kabakov 1986

Ilya Kabakov didascalia

_____________________________

Direttamente attraverso il seguente link;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/quattro-chiacchiere-sul-cinema-d-essai-e-sul-suo-scomodo-valore/

—————-

Un’ultimissima nota,

s m

S. M. Ėjzenštejn ;

Google remembers

– on January 22, 2018 – the anniversary of the Russian film director.

E’ notorio che Google SPA

è una Società lungimirante anche dal punto di vista dei rapporti con il proprio personale. Li tratta a ‘guanti bianchi’.
Tralasciando le vere profonde motivazioni che inducono i patrons ( i proprietari) di questa Società mediatica a simile scelta ‘filantropica’ ,da ‘mecenati’, verso i propri dipendenti,

(possibile competitività informatica compromessa da un effetto rebound/’effect rebound’, da coloro  – la dirigenza ( i dipendenti) –  che all’interno di Google svolgono mansioni che pochissimi al mondo possono svolgere al quel livello – immaginatevi le possibili conseguenze disastrose per la Google SPA per una protesta,ma è il caso di dire un ammutinamento, della dirigenza – etc…)

è indubbio che figure come quella di Ejzenstejn sono apprezzate – trattate a loro volta con mecenatismo – [ ipocritamente (?) ] da buona parte della ‘dirigenza Google’.
Dirigenza che se vista nella quotidianità; mezzi bizzarri di trasporto utilizzati, cagnetti rigorosamente meticci al seguito, abbigliamento meno che ‘casual’, linguaggio informale etc… Non può che farci pensare, che simili figure contemporanee in fondo non sono che degli hipsters (e Liberal) globalizzati e globalizzanti…
Sarebbe certo più interessante analizzare le vere profonde motivazioni che hanno indotto la dirigenza Google a simili simpatie cinematografiche, nonché al loro stile eccentrico nella quotidianità.
Si intuisce subito ,senza scomodare Sigmund Freud & C. , che alle volte, di generazione in generazione, è necessaria un poco di ‘sana ipocrisia’.
Questo per evitare, per dirla in termini sportivi, che il ‘grande slam’/’the big slam’,
  — che la vita gli ha generosamente riservato (come pochi altri fortunati al mondo)
,abbia un effetto rebound controproducente,
sia verso di loro personalmente
[ con un effetto rebound psicologico, dai loro utenti (non altrettanto fortunati,che costituiscono la maggioranza) ]
sia verso la Società per cui lavorano.
(Non va dimenticato che Google SPA è una Società che ha molta visibilità, a differenza di molte altre Società, e come tale la facciata , l’immagine, fa la differenza nel determinarne una crescita economica o meno…)

Fate un pò voi!

Annunci

CINEMA d’ ESSAI , brogliaccio .

In base a quanto postato nella pagina : ‘ Quattro chiacchiere sul CINEMA d’ESSAI e sul suo scomodo valore , ( vedi tale pagina al seguente  link ( o nel frontespizio in alto a destra l’elenco delle varie pagine )   ; ;  https://soloalsecondogrado.wordpress.com/quattro-chiacchiere-sul-cinema-d-essai-e-sul-suo-scomodo-valore/ ) ,

Segue qui una lista tra titoli e Registi  li trattati .

I titoli ,  ( in ordine di pubblicazione ) .

‘ La corazzata Potèmkin ‘       ‘ Bronenosec Potèmkin ‘

NASCITA DI UNA NAZIONE‘    The Birth of a Nation ‘

L’ULTIMA RISATA‘   ‘ Der letzte Mann ‘

’ METROPOLIS ‘

‘ Il GABINETTO del Dr. CALIGARI ‘  ‘ Das Cabinet des Dr. Caligari ‘

‘DIES IRAE’   ‘ Vredens Dag ‘

‘Il CORVO’    ‘ Le corbeau’ 

IL Dr. MABUSE  ‘

‘A propos de Nice ‘,

‘Zèro de conduite

‘L’Atalante’

‘QUELL’OSCURO OGGETTO DEL DESIDERIO’

‘Estasi di un delitto  ‘  ‘  Ensajo de un crimen ‘

‘L’isola che scotta‘  ‘ La Fièvre monte à El Pao ‘

‘Simon del deserto’

‘La via lattea’

 ‘Viridiana’ 

‘Nazarin’

Opere varie de ;  ‘ STAN LAUREL e OLIVER HARDY .

IL MONELLO

IL GRANDE DITTATORE

MONSIEUR VERDOUX

Lavoro radiofonico de Orson WELLES : ‘ LA GUERRA DEI MONDI ‘

.BLOB fluido mortale  ‘ The blob ‘

L’INVASIONE DEGLI ULTRACORPI ‘   ‘ Invasion of the body snatchers ‘

CHI UCCIDERA’ CHARLEY VARRICK ? ‘   ’ Charley Varrick’

CONTRATTO PER UCCIDERE ‘  ’ The killers ‘ 

‘ GALLINA nel VENTO ‘

‘ VIAGGIO a TOKYO ‘

‘ Il SERVO ‘  ‘ The servant ‘

FARI NELLA NEBBIA ‘

SCIUSCIA’ ’ 

‘ LADRI DI BICICLETTE ‘

IL POSTINO SUONA SEMPRE DUE VOLTE ‘  ’ the postman always rings twice ‘

‘GILDA’

‘La battaglia di Algeri’

‘I SETTE SAMURAI ’  Shichi nin no Samurai ‘

‘Un UOMO TRANQUILLO’   ‘ The quiet Man ‘

‘Il FANTASMA e la SIGNORA MUIR ‘  ’ The Gost and Mrs. Muir ‘

‘LA FUGA’  ‘ DARK PASSAGE ‘

Produzioni varie sul personaggio de   : Philip MARLOWE’

‘Il POSTO delle FRAGOLE ‘   ‘ Smult ronstaellet ‘

‘Il TESORO della SIERRA MADRE’    ‘ The treasuire of the Sierra Madre ‘

‘GIUNGLA d’ ASFALTO’  ’ The asphalt jungle ‘ 

‘ALBA FATALE ‘   ’ The Ox – Bow incident’

‘QUEL TRENO PER YUMA ‘   ’ 3:10 to Yuma ‘ 

‘La NOTTE dell’ AGGUAT O ‘  ‘ The Stalking Moon ‘

Il BACIO della PANTERA’    ‘ Cat people ‘

‘HO CAMMINATO CON UNO ZOMBIE ‘  ’ Walked with a zombie ‘

LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

 ‘ ZOMBIE

 ‘ IL GIORNO DEGLI Z​OMBIE

‘ LA MORTE CORRE SUL FIUME   ‘ Night of the hunter ‘ 

‘ M il mostro di Düsseldorf ‘      ‘ M ‘

‘ La FINE della Signora WALLACE ‘     ‘ The great Flamarion ‘

‘CASABLANCA

‘ VIALE del TRAMONTO ‘   ‘  Sunset Boulevard ‘

‘Il Generale Della Rovere ‘

‘ SILVIO FOREVER ‘

‘ L’ ARMATA BRANCALEONE ‘

‘ IL MISTERO BUFFO ‘(Opera teatrale)’

‘ ACCATTONE ‘

‘ UCCELLACCI E UCCELINI ‘

‘ 2001 :odissea nello spazio ‘

‘ Arancia meccanica ‘

‘ SHINING ‘

‘ Orizzonti di gloria ‘

AU HASARD BALTHAZAR

”La Passione di Cristo”

”Schindler’s List”

l’isola (ostrov)

Monsieur Hire (l’insolito caso di mr.hire)

Love Story

9 SETTIMANE e 1/2 ( 9 1/2 weeks)

L’ IMPERO dei SENSI ( ‘Ai no Korida’)

L’ABISSO DEI SENSI (ABESADA)

JU DOU

UOMO D’ACCIAIO (Pumping iron)

DOV’E’ LA CASA DEL MIO AMICO? (عباس کیارستمی)

IL RAGAZZO SELVAGGIO ( L’enfant sauvage)

L’enigma di Kasper Hauser

Elephant Man

AMLETO (Hamlet)

(L’) OTELLO,(othello)

VERSO SUD

‘ Il pensionante’ ( The Lodger: a Story of the London Fog

Gli uccelli , ( The Birds )

Il delitto perfetto (Dial M for Murder)

C’ ERA UNA VOLTA UN MERLO CANTERINO (Жил певчий дрозд)

MOSCA NON CREDE ALLE LACRIME (Москва слезам не верит )

Interiors

La dolce vita

‘ LA COSA DA UN ALTRO MONDO ‘ ,
, ( tit. orig. :‘ The thing from another world ‘ )

‘ IL VILLAGGIO DEI DANNATI ‘ ,
, ( tit. orig. The village of the damned )

‘ L’UOMO INVISIBILE ‘ ,
, ( tit.orig. :‘ The invisible man’ )

‘DISTRETTO 13 – Le brigate della morte . ‘ ,
, ( tit. orig. :‘Assault on precint 13 ‘ )

,
,

‘ I GUERRIERI DELLA NOTTE ‘,
, ( tit. orig. :‘‘The wariors ‘ )

,

‘Le IENE – CANI da RAPINA ‘,
, ( tit. orig. :‘ Reservoir dogs‘ )

,

‘PULP FICTION ‘,
, ( tit. orig. :‘idem‘ )

,

‘duello nel Pacifico ‘,
, ( tit. orig. :‘ Hell in the Pacific‘ )

—————————————————————————————————————————– ————————————————————————————————–

I registi .

S.M. Ejzenstejn

David WARK GRIFFITH

Friedrich Wilhelm Murnau

Fritz LANG

R. Wiene

H. G. Clouzot 

C.T. Dreyer

JEAN VIGO’

Luis Buñuel

C. Chaplin

Orson WELLES

Irvin S. Yearworth

DON (Donald) SIEGEL

Yasujiro Ozu

J. Losey

G. Franciolini

Vittorio De Sica

Roberto Rossellini

T. Garnett

C. VIDOR

Gillo Pontecorvo

Akira KUROSAWA 

John FORD

J. Mankiewicz

Ingmar Bergman

Delmer Daves 

John Huston

W. A. Wellman

Rober​t Mulligan

Jacques TOURNEUR

G. A. ROMERO

Charles LAUGHTON

Anthony Mann

Michael Curtiz

Roberto FAENZA

Filippo MACELLONI

Mario MONICELLI

Dario FO

Pier Paolo Pasolini

Andrej Tarkovskij

Stanley Kubrick

robert bresson

                                            P. Lunguine, ( Павел Семёнович Лунгин ) .

Mel Gibson

S.Spielberg

P.lunguine

Patrice Leconte

Arthur HILLER

Adrian LYNE

Nagisa Oshima

N. TANAKA

Zhang Yimou

Yang Fen-Gliang

George Butler e Robert Fiore

Abbas KIAROSTAMI(عباس کیارستمی)

François Truffaut

W. Herzog

David Lynch,ken loach

laurence olivier

Orson welles

Pasquale pozzessere

Alfred HITCHCOCK

Otar Iosseliani [Отар Иоселиани]

Vladimir MENSHOV/Vladimir Valentinovič Men’šov (Владимир Валентинович Меньшов)

Woody Allen

Federico Fellini

Christian NYBY

Wolf RILLA

James WHALE

John CARPENTER

Walter Hill

Quentin TARANTINO

John BOORMAN

Tag Cloud