Solo Al Secondo Grado

Articoli con tag ‘museo di san marco firenze’

Museo di san Marco – Firenze – visita virtuale.

Museo di san Marco – Firenze -.Piazza San Marco, 3

Una visita virtuale quanto mai auspicabile ad uno dei Musei più belli e nel contempo meno conosciuti al Mondo.

Arrivati nel cuore del Rinascimento , Piazza san Giovanni /Piazza del Duomo,dunque sotto la cupola del Brunelleschi ci si avvia attraverso via Ricasoli.
Dopo aver superato il museo dell’Accademia,dove è custodito il David di Michelangelol’originale,dato che quello in bella vista nella Piazza di palazzo Vecchio/ piazza della Signoria è solo una copia – si giunge in Piazza di san Marco dove vi è la Chiesa di san Marco e l’ex convento domenicano.

[ Convento dove fu Priore il famosissimo Girolamo Savonarola di cui attualmente presso l’ex convento non sono custodite di Lui che le due stanze che gli competevano d’ufficio per l’incarico di cui era titolare.

Rogo, esecuzione di Girolamo Savonarola del 23 maggio 1498 in Piazza della Signoria a Firenze.

Rogo, esecuzione di Girolamo Savonarola del 23 maggio 1498 in Piazza della Signoria a Firenze.

Piazza della Signoria a Firenze . Punto esatto della esecuzione di Girolamo Savonarola,Priore del Convento di San Marco, con altri due suoi Confratelli.

Piazza della Signoria a Firenze .
Punto esatto della esecuzione di Girolamo Savonarola,Priore del Convento di San Marco,
con altri due suoi Confratelli.

]

Premetto – senza far polemiche – che le indicazioni museali sono pressocchè inesistenti; una misera targa il pietra serena con la scritta semi consunta :’ museo di San Marco ‘. Non può che venirmi a mente quella vecchia frase nietzschiana :’ Lo Stato è il più freddo dei mostri…’ Che mette bene in evidenza l’incapacità ,di alcuni Stati, di manifestare, attraverso suoi servitori/rappresentanti, sensibilità al di fuori di aridi rapporti burocratici/fiscali.

Detto questo ecco alcune immagini delle opere lì contenute,
(di cui una di una Suora; le opere artistiche di artisti donne erano rarissime a quei tempi ed ancor più quelle di donne-Suore.

[ Circa le immagini; ‘ispezionando l’elemento’ si otterranno le informazioni didascaliche sulle varie opere ]

—————– —-

.

museo di san marco Fi didascalia on the road soloalsecondogrado b

museo di san marco Fi opening hours soloalsecondogrado b
Nota;

Opening hours; the first Sunday of each month, entry is free in Italian museums.
But…
the first Sunday of the month is always closed!
The public administration can be more stupid than that !!

.
Alcuni elementi architettonici della Chiesa/Convento di san Marco;

museo di san marco chiostro

museo di san marco.particolare architettonico.Chiostro.

museo di san marco.Particolare architettonico.Pulpito del refettorio

museo di san marco particolare architettonico

museo di san marco nicchia chiostro affresco2

museo di san marco nicchia chiostro affresco3

museo di san marco nicchia chistro affresco

museo di san marco lapide

—————— —-

museo di san marco affresco di cecco bravo

museo di san marco.Affresco del ghirlandaio

Si noti,
in questo straordinario affresco del ‘Ghirlandaio’
( di cui ricordo gli altri suoi magnifici affreschi nell’abside della Chiesa di Santa Maria Novella,sempre a Firenze )
che il pittore rispetta la tradizione cristiana, secondo la quale nella notte del ‘Seder’,della festa delle capanne cioè la notte pasquale, prima dell’incipit della passione di Cristo, ‘nell’ultima cena’,
, San Giovanni l’apostolo
prediletto di Gesù, secondo tradizione ,come dicevo, poggiava il capo sul petto di Cristo/del Maestro.
[ cfr/cf con l’affresco di Andrea del Sarto;
https://soloalsecondogrado.wordpress.com/2016/08/07/andrea-del-sarto-cfr-confronta-vgl-vergleiche-cf-compare/

Particolare (due) dell’affresco di Andrea del Sarto (alias Andrea d’Agnolo o Andrea Vannucchi) , presso;
; la Chiesa di San Michele a San Salvi, presso l’abbazia Vallombrosana – refettorio – .

Vedi commento qui sotto  nella didascalia sotto la figura del Nazareno

Vedi commento qui sotto
nella didascalia sotto la figura del Nazareno

Schalom Ben-Chorin, alias Fritz Rosenthal un ebreo di lingua tedesca, riporta, nel suo libro :' Fratello Gesù/Bruder Jesus',   la fantasiosa ipotesi di un tedesco omosessuale ,Hans Blüher che a sua volta nel suo libro:'Die Aristie des Jesus von Nazareth : philosophische Grundlegung der Lehre und der Erscheinung Christi.'(1921) insinua un possibile rapporto omosessuale tra Jesù e l'Apostolo Giovanni; il prediletto del Maestro. Qui la stretta di mano tra Gesù e l'Apostolo Giovanni - peraltro un biondino di bell'aspetto,secondo il pennello del pittore - vuol forse alludere al malcostume fiorentino che era stato castigato con violenta reazione biblica dalla figura di Girolamo Savonarola. Figura che certo impressionò Andrea del Sarto ( questi aveva 12 anni all'epoca della morte sul rogo del Priore di San Marco).

Schalom Ben-Chorin, alias Fritz Rosenthal un ebreo di lingua tedesca, riporta, nel suo libro :’
:’ Fratello Gesù/Bruder Jesus’,

la fantasiosa ipotesi di un tedesco omosessuale ,Hans Blüher che a sua volta nel suo libro:’
:’Die Aristie des Jesus von Nazareth : philosophische Grundlegung der Lehre und der Erscheinung Christi.'(1921)

insinua un possibile rapporto omosessuale tra Jesù e l’Apostolo Giovanni; il prediletto del Maestro.
Qui la stretta di mano tra Gesù e l’Apostolo Giovanni – peraltro un biondino di bell’aspetto,secondo il pennello del pittore –
vuol forse alludere al malcostume fiorentino che era stato castigato con violenta reazione biblica dalla figura di Girolamo Savonarola. Figura che certo impressionò Andrea del Sarto ( questi aveva 12 anni all’epoca della morte sul rogo del Priore di San Marco).

]

museo di san marco.Affresco del refettorio di Giovanni Antonio Sogliani

museo di san marco.Targa dell'affresco del refettorio

________________________

Al piano superiore – piano primo – una serie di cellette/camere,dove i frati domenicani riposavano, contengono gli affreschi,uno per camera, di scuola del Beato Angelico.
All’entrata del piano primo vi è l’Annunciazione del Beato Angelico, qui sotto indicata con didascalia.

museo di san marco.affresco di scuola del Beato Angelico.

museo di san marco.Affresco di scuola del Beato Angelico 2.

museo di san marco.Affresco di scuola del beato Angelico 3.

museo di san marco.affresco di scuola del beato Angelico 4.

l'Annunciazione del Beato Angelico

l’Annunciazione del Beato Angelico

museo di san marco.san domenico in adorazione del crocifisso.Beato angelico 1442

targa del beato angelico alias...

____________________

museo di san marco.San Tommaso d'Aquino,dipinto di Fra' Bartolomeo

museo di san marco.santa caterina da siena

Stendardo processionario con cui Girolamo Savonarola, Priore di san Marco, andava in processione

Stendardo processionario con cui Girolamo Savonarola, Priore di san Marco, andava in processione

museo di san marco.tavola del ghirlandaio

museo di san marco targa tavola qui accanto

Opera di Suor Plautilla Nelli. Una pittrice in piena regola.

Opera di Suor Plautilla Nelli.
Una pittrice in piena regola.

Nota;

è l’opera del Beato Angelico e suoi accoliti in pittura che rende il Museo di san Marco un insieme straordinario d’Arte.
E le Opere del Beato Angelico sono tali per un fatto fondamentale;

‘la ricerca dell’uomo in Dio

In altri termini;
se l’uomo è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio suo artefice ecco che cercare l’uomo in Dio significa procedere a ritroso ,ovvero ricercare la propria origine suprema, superiore. Un pò come avviene con le matrici,con cui si cerca ciò che ha generato un dato elemento.

Così procedendo l’uomo cercando la propria origine incontra Dio.E’ un processo di ascesi.
E’ questo che ci dice l’opera del Beato Angelico.

Di li a poco, e grazie già ai primi accenni operati dal Beato Angelico stesso attraverso la Sua pittura
– un ‘rovesciamento’ nel rapporto tra Dio e l’uomo; Fra Angelico alias: ‘Guido di Pietro’ ; from: ‘man in God’ / man to God … to God in man –
,
, anzi opera in parte coeva e conterranea,anzi concittadina, col Rinascimento si opera/opererà in maniera analoga ma in senso inverso (il rovesciamento di cui sopra) ;

;si cerca ‘Dio nell’uomo’

In altri termini;
se Dio è bontà, cercare la bontà in ogni essere umano significa, trovandola , aver trovato un riflesso di Dio.
Così procedendo l’uomo alla ricerca del bene nel Mondo,nell’uomo incontra Dio nella Sua manifestazione terrena.
E’ questo che faranno figure come Michelangelo,Leonardo,Paolo Uccello ( Paolo di Dono ), Piero della Francesca etc…

Ecco perché tutte queste Opere non sono ‘vecchiume’ insignificante ma origine e fondamenta del Nostro Io della nostra Identità di Occidentali .E quindi di profondo valore culturale e civile .

Cloud dei tag