Solo Al Secondo Grado

Articoli con tag ‘Orson WELLES’

…yet shakespeare.

…yet shakespeare.

(L’) OTELLO , di Orson Welles

[Titolo originale ; ‘Othello’ USA 1952 b/n (girato in vari Paesi)].

othello e desdemona ,orson wellesw. shakespeare

nella solita pagina :’ quattro chiacchiere sul cinema d’essai…’

o direttamente attraverso il seguente link;

https://soloalsecondogrado.wordpress.com/quattro-chiacchiere-sul-cinema-d-essai-e-sul-suo-scomodo-valore/#comment-1128

Annunci

CASO Alessandro SALLUSTI .

CASO Alessandro SALLUSTI

Ecco la ragione del perchè merita la condanna/il carcere .

I fatti dell’epoca ( 18 febbraio 2007 );

a quella data Alessandro SALLUSTI era Direttore del giornale ‘LIBERO’ .
Sotto la sua responsabilità fu pubblicato un patetico articolo – robetta da massaie amanti delle notiziole strappalacrime – titolato :’

:’Il giudice ordina la morte, la legge più forte della vita ‘

,articolo firmato con lo pseudonimo di ‘DREYFUS’ da, Renato FARINA, ex giornalista radiato dall’albo già a quell’epoca e politico berlusconiano .

Ecco per correttezza di cronaca – non per contenuto , a mio parere – il testo dell’articolo di DREYFUS/Renato FARINA :

LIBERO 18/FEBBRAIO/2007 .

____________________

Il giudice ordina la morte, la legge più forte della vita

Una adolescente di Torino è stata costretta dai genitori a sottomettersi al potere di un ginecologo che, non sappiamo se con una pillola o con qualche attrezzo, le ha estirpato il figlio e l’ha buttato via. Lei proprio non voleva. Si divincolava. Non sapeva rispondere alle lucide deduzioni di padre e madre sul suo futuro di donna rovinata. Lei non sentiva ragioni perché più forte era la ragione dei cuore infallibile di una madre. Una storia comune. Una bambina, se a tredici anni sono ancora bambine, si era innamorata di un quindicenne. Quando ci si innamora, capita: e così qualcosa è accaduto dentro di lei. Lei che era una bambina capiva di aspettare un bambino. Da che mondo è mondo non si è trovata un’ altra formula: non attendeva un embrione o uno zigote, ma una creatura a cui si preparava a mettere i calzini, a darle il seno.

I genitori hanno pensato: «È immatura, si guasterà tutta la vita con un impiccio tra i piedi».Hanno deciso che il bene della figlia fosse: aborto. In elettronica si dice: reset. Cancellare. Ripartíre da zero. Strappare in fretta quel grumo dal ventre della bimba prima che quell’Intruso frignasse, e magari osasse chiamarli, loro tanto giovani, nonna e nonno. Figuriamoci. Tutta ’sta fatica a portare avanti e indietro la pupa da casa a scuola e ritorno, in macchina con la coda, poi a danza, quindi in piscina. Ora che lei era indipendente, ecco che si sarebbero ritrovati un rompiballe urlante e la figlia con i pannolini per casa. Il buon senso che circola oggi ha suggerito ai genitori: i figli devono essere liberi, vietato vietare. Dunque, divertitevi, amoreggiate. Noi non eccepiamo. Siamo moderni. Quell’altro che deve nascere però non era nei patti, quello è vietato, vietatissimo. Accettiamo che tutti facciano tutto, ma non che turbino la nostra noia.

Un magistrato allora ha ascoltato le parti in causa e ha applicato il diritto – il diritto! – decretando: aborto coattivo. Salomone non uccise il bimbo, dinanzi a due che se lo contendevano; scelse la vita, ma dev’ essere roba superata, da antico testamento. Ora la piccola madre (si resta madri anche se il figlio è morto) è ricoverata pazza in un ospedale.
Aveva gridato invano: «Se uccidete mio figlio, mi uccido anch’io». Hanno pensato che in fondo era sì sincera, ma poi avrebbero prevalso in lei i valori forti delle Maldive e della discoteca del sabato sera, cui l’avevano educata per emanciparla dai tabù retrogradi. Che vanno lavati con un bello shampoo di laicità. Se le fosse rimasto attaccato qualche residuo nocivo di sacralità, niente di male, ci vuole pazienza. E una vacanza caraibica l’avrebbe riconciliata dopo i disturbi sentimentali tipici dell’età evolutiva.

Non è stato così. La ragazzina voleva obbedire a qualcosa scritto nell’anima o – se non ci credete – in quel luogo del petto o del cervello da cui sentiamo venir su il nome del figlio. Ma no: non anima, né petto, né cervello. Le dava dei calci proprio nella sua pancia che le dava il vomîto. Una nausea odiosa, ma così rasserenante: più antica dell’effetto serra, qualcosa che sta alla fonte del nostro essere. Si sentiva mamma. Era una mamma. Niente. Kaput.Per ordine di padre, madre, medico e giudice per una volta alleati e concordi. Stato e famiglia uniti nella lotta. Ci sono ferite che esigerebbero una cura che non c’è. Qui ora esagero. Ma prima domani di pentirmi, lo scrivo: se ci fosse la pena di morte, e se mai fosse applicabile in una circostanza, questo sarebbe il caso. Per i genitori, il ginecologo e il giudice. Quattro adulti contro due bambini. Uno assassinato, l’altro (l’altra, in realtà) costretto alla follia. Si dice: nessuno tocchi Caino, ma Caino al confronto avevale sue ragioni di gelosia. Qui ci si erge a far fuori un piccolino e a straziare una ragazzina in nome della legge e del bene. Dopo aver messo in mostra meritoriamente questo scempio, il quotidiano torinese la Stampa che fa? Mette pacificamente in lizza due pareri. Sei per il Milan o l’Inter? Preferisci la carne o il pesce?

Non si riesce a credere che ci possano essere due partiti. Sì, perché in fondo la vera notizia è questa, e cioè che ci sia un’opinione ritenuta rispettabile e che accetti la violenza più empia che esista: il costringere una madre a veder uccidere il figlioletto davanti ai suoi occhi. Non c’è neanche bisogno del cristianesimo. Basta l’Eneide di Vlrgjlio, la saggezza classica. L’orrore è quando i greci assassinano davanti agli occhi di Priamo il figlio. Invece qui già ci sono`due partiti. Quello pro e quello contro. È incredibile. Come se fosse possibile fare un bel dibattito sul genocidio: uno si esprime a favore, il secondo è perplesso. Ma che bella civiltà, piena di dubbi.

Come scriveva Giovanni Testori, più battiti e meno dibattiti. Specie quando il battito di un innocente è stato soffocato con l’alibi della libertà e della felicità di una che non sa che farsene, se il prezzo è l’aborto. Questo racconto tenebroso è specchio dei poteri che ci dominano. Lasciamo perdere i genitori, che riescono ormai a pesare solo come ingranaggi inerti. Ma che la medicina e la magistratura siano complici ci lascia sgomenti. Però a pensarci non è una cosa nuova. Nicola Adelfi propose, sempre sulla Stampa, l’aborto coattivo, in grado di eliminare i fastidiosi problemi dicoscienza, perle donne di Seveso rimaste incinta al tempo della diossina (2 agosto 1976). Abbiamo udito qualcosa di simile aproposito di lager nazisti e di gulag comunisti. Ma che questo sia avvenuto in Italia e che abbia menti pronte a giustificarlo è orribile.

____________________

La condanna
– dopo la querela di parte del Giudice chiamato in causa dall’articolo – , è sopraggiunta in quanto Sallusti pubblicò con leggerezza una notizia risultata poi falsa – pare circa la volontà contraria della ragazza madre sull’interruzione di gravidanza -.

–Le ragioni a favore della condanna sono molto semplici ,
–le ragioni a favore dell’assoluzione di Sallusti sono assai arzigogolate e dunque per nulla logiche ( come lui stesso riporta in un colloquio radiofonico citando in causa il famoso caso Tortora ).

Il potere giornalistico – quello che il noto Orson WELLES chiamava quarto potere – , non dà certo il diritto ne di patentare come assassini coloro che applicano la Legge ne quello di diffondere con leggerezza notizie cialtronesche pur di far vendere i giornali .

Lo stesso Giudice Giuseppe COCILOVO ha inoltre recentemente affermato ( dopo la conferma della condanna di Sallusti in cassazione ) :’

:’«Sarebbe bastata una lettera di scuse. Non a me, per carità, quanto ai lettori, per la notizia errata pubblicata dal giornale. E invece nulla, in sei anni quella lettera non è mai arrivata».

Sottolineo infine lo scudo a mò di vera e propria casta mediatica sollevato pressocchè da tutti i giornalisti in favore di un loro collega senza tener realmente conto dei fatti e di un minimo di logica in merito .
( Si noti che la fotografia qui sopra ritrae Sallusti ospite nel programma di Bruno VESPA ; ‘Porta a porta’ )

P.S.
Circa l’autore dell’articolo ,Renato FARINA , in cui è palese l’atteggiamento fazioso – atteggiamento per cui gli si può solo imputare mancanza di correttezza logica – di chi ‘ha fede’ e pertanto non occorre discuterci ma solo ascoltarlo/leggerlo ,

per le dichiarazioni false circa gli eventi riportati nell’articolo,

merita condanna pari a quella di SALLUSTI .

CINEMA d’ ESSAI , brogliaccio .

In base a quanto postato nella pagina : ‘ Quattro chiacchiere sul CINEMA d’ESSAI e sul suo scomodo valore , ( vedi tale pagina al seguente  link ( o nel frontespizio in alto a destra l’elenco delle varie pagine )   ; ;  https://soloalsecondogrado.wordpress.com/quattro-chiacchiere-sul-cinema-d-essai-e-sul-suo-scomodo-valore/ ) ,

Segue qui una lista tra titoli e Registi  li trattati .

I titoli ,  ( in ordine di pubblicazione ) .

‘ La corazzata Potèmkin ‘       ‘ Bronenosec Potèmkin ‘

NASCITA DI UNA NAZIONE‘    The Birth of a Nation ‘

L’ULTIMA RISATA‘   ‘ Der letzte Mann ‘

’ METROPOLIS ‘

‘ Il GABINETTO del Dr. CALIGARI ‘  ‘ Das Cabinet des Dr. Caligari ‘

‘DIES IRAE’   ‘ Vredens Dag ‘

‘Il CORVO’    ‘ Le corbeau’ 

IL Dr. MABUSE  ‘

‘A propos de Nice ‘,

‘Zèro de conduite

‘L’Atalante’

‘QUELL’OSCURO OGGETTO DEL DESIDERIO’

‘Estasi di un delitto  ‘  ‘  Ensajo de un crimen ‘

‘L’isola che scotta‘  ‘ La Fièvre monte à El Pao ‘

‘Simon del deserto’

‘La via lattea’

 ‘Viridiana’ 

‘Nazarin’

Opere varie de ;  ‘ STAN LAUREL e OLIVER HARDY .

IL MONELLO

IL GRANDE DITTATORE

MONSIEUR VERDOUX

Lavoro radiofonico de Orson WELLES : ‘ LA GUERRA DEI MONDI ‘

.BLOB fluido mortale  ‘ The blob ‘

L’INVASIONE DEGLI ULTRACORPI ‘   ‘ Invasion of the body snatchers ‘

CHI UCCIDERA’ CHARLEY VARRICK ? ‘   ’ Charley Varrick’

CONTRATTO PER UCCIDERE ‘  ’ The killers ‘ 

‘ GALLINA nel VENTO ‘

‘ VIAGGIO a TOKYO ‘

‘ Il SERVO ‘  ‘ The servant ‘

FARI NELLA NEBBIA ‘

SCIUSCIA’ ’ 

‘ LADRI DI BICICLETTE ‘

IL POSTINO SUONA SEMPRE DUE VOLTE ‘  ’ the postman always rings twice ‘

‘GILDA’

‘La battaglia di Algeri’

‘I SETTE SAMURAI ’  Shichi nin no Samurai ‘

‘Un UOMO TRANQUILLO’   ‘ The quiet Man ‘

‘Il FANTASMA e la SIGNORA MUIR ‘  ’ The Gost and Mrs. Muir ‘

‘LA FUGA’  ‘ DARK PASSAGE ‘

Produzioni varie sul personaggio de   : Philip MARLOWE’

‘Il POSTO delle FRAGOLE ‘   ‘ Smult ronstaellet ‘

‘Il TESORO della SIERRA MADRE’    ‘ The treasuire of the Sierra Madre ‘

‘GIUNGLA d’ ASFALTO’  ’ The asphalt jungle ‘ 

‘ALBA FATALE ‘   ’ The Ox – Bow incident’

‘QUEL TRENO PER YUMA ‘   ’ 3:10 to Yuma ‘ 

‘La NOTTE dell’ AGGUAT O ‘  ‘ The Stalking Moon ‘

Il BACIO della PANTERA’    ‘ Cat people ‘

‘HO CAMMINATO CON UNO ZOMBIE ‘  ’ Walked with a zombie ‘

LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI

 ‘ ZOMBIE

 ‘ IL GIORNO DEGLI Z​OMBIE

‘ LA MORTE CORRE SUL FIUME   ‘ Night of the hunter ‘ 

‘ M il mostro di Düsseldorf ‘      ‘ M ‘

‘ La FINE della Signora WALLACE ‘     ‘ The great Flamarion ‘

‘CASABLANCA

‘ VIALE del TRAMONTO ‘   ‘  Sunset Boulevard ‘

‘Il Generale Della Rovere ‘

‘ SILVIO FOREVER ‘

‘ L’ ARMATA BRANCALEONE ‘

‘ IL MISTERO BUFFO ‘(Opera teatrale)’

‘ ACCATTONE ‘

‘ UCCELLACCI E UCCELINI ‘

‘ 2001 :odissea nello spazio ‘

‘ Arancia meccanica ‘

‘ SHINING ‘

‘ Orizzonti di gloria ‘

AU HASARD BALTHAZAR

”La Passione di Cristo”

”Schindler’s List”

l’isola (ostrov)

Monsieur Hire (l’insolito caso di mr.hire)

Love Story

9 SETTIMANE e 1/2 ( 9 1/2 weeks)

L’ IMPERO dei SENSI ( ‘Ai no Korida’)

L’ABISSO DEI SENSI (ABESADA)

JU DOU

UOMO D’ACCIAIO (Pumping iron)

DOV’E’ LA CASA DEL MIO AMICO? (عباس کیارستمی)

IL RAGAZZO SELVAGGIO ( L’enfant sauvage)

L’enigma di Kasper Hauser

Elephant Man

AMLETO (Hamlet)

(L’) OTELLO,(othello)

VERSO SUD

‘ Il pensionante’ ( The Lodger: a Story of the London Fog

Gli uccelli , ( The Birds )

Il delitto perfetto (Dial M for Murder)

C’ ERA UNA VOLTA UN MERLO CANTERINO (Жил певчий дрозд)

MOSCA NON CREDE ALLE LACRIME (Москва слезам не верит )

Interiors

La dolce vita

‘ LA COSA DA UN ALTRO MONDO ‘ ,
, ( tit. orig. :‘ The thing from another world ‘ )

‘ IL VILLAGGIO DEI DANNATI ‘ ,
, ( tit. orig. The village of the damned )

‘ L’UOMO INVISIBILE ‘ ,
, ( tit.orig. :‘ The invisible man’ )

‘DISTRETTO 13 – Le brigate della morte . ‘ ,
, ( tit. orig. :‘Assault on precint 13 ‘ )

,
,

‘ I GUERRIERI DELLA NOTTE ‘,
, ( tit. orig. :‘‘The wariors ‘ )

,

‘Le IENE – CANI da RAPINA ‘,
, ( tit. orig. :‘ Reservoir dogs‘ )

,

‘PULP FICTION ‘,
, ( tit. orig. :‘idem‘ )

,

‘duello nel Pacifico ‘,
, ( tit. orig. :‘ Hell in the Pacific‘ )

—————————————————————————————————————————– ————————————————————————————————–

I registi .

S.M. Ejzenstejn

David WARK GRIFFITH

Friedrich Wilhelm Murnau

Fritz LANG

R. Wiene

H. G. Clouzot 

C.T. Dreyer

JEAN VIGO’

Luis Buñuel

C. Chaplin

Orson WELLES

Irvin S. Yearworth

DON (Donald) SIEGEL

Yasujiro Ozu

J. Losey

G. Franciolini

Vittorio De Sica

Roberto Rossellini

T. Garnett

C. VIDOR

Gillo Pontecorvo

Akira KUROSAWA 

John FORD

J. Mankiewicz

Ingmar Bergman

Delmer Daves 

John Huston

W. A. Wellman

Rober​t Mulligan

Jacques TOURNEUR

G. A. ROMERO

Charles LAUGHTON

Anthony Mann

Michael Curtiz

Roberto FAENZA

Filippo MACELLONI

Mario MONICELLI

Dario FO

Pier Paolo Pasolini

Andrej Tarkovskij

Stanley Kubrick

robert bresson

                                            P. Lunguine, ( Павел Семёнович Лунгин ) .

Mel Gibson

S.Spielberg

P.lunguine

Patrice Leconte

Arthur HILLER

Adrian LYNE

Nagisa Oshima

N. TANAKA

Zhang Yimou

Yang Fen-Gliang

George Butler e Robert Fiore

Abbas KIAROSTAMI(عباس کیارستمی)

François Truffaut

W. Herzog

David Lynch,ken loach

laurence olivier

Orson welles

Pasquale pozzessere

Alfred HITCHCOCK

Otar Iosseliani [Отар Иоселиани]

Vladimir MENSHOV/Vladimir Valentinovič Men’šov (Владимир Валентинович Меньшов)

Woody Allen

Federico Fellini

Christian NYBY

Wolf RILLA

James WHALE

John CARPENTER

Walter Hill

Quentin TARANTINO

John BOORMAN

Tag Cloud